Garofalo (Pdl) a Catricalà: «Non sospenda lo stato di emergenza per Messina»

vincenzo garofaloIl deputato messinese del Pdl, Vincenzo Garofalo, invia una lettera ad Antonio Catricalà, Sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei Ministri, in cui chiede al Governo un rapido intervento legislativo che consenta la prosecuzione dei poteri speciali dei Commissari delegati per la risoluzione delle emergenze ambientali e delle criticità legate alla viabilità della città di Messina. Dal 31 settembre, infatti, tali poteri sono stati interrotti e c’è il rischio che gli sforzi fino a oggi compiuti, per il completamento e l’entrata in esercizio delle opere necessarie, vengano vanificati. Da sempre Messina, un centro che si estende per lo più in lunghezza, è stata soggetta a diversi problemi legati alla difficoltà di attraversamento del suo territorio. L’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2007, che aveva previsto la nomina di un Commissario delegato alla sovraintendenza dei lavori indispensabili per il ripristino delle normali condizioni di vita dei cittadini, ha fatto sì che venissero raggiunti preziosi traguardi, sebbene non risolutivi. Tuttavia, la mancata prosecuzione dello stato di emergenza rischia di determinare rallentamenti, se non interruzioni, delle attività relative alla realizzazione di numerose opere infrastrutturali legate alla viabilità. Inoltre, come conseguenza del mancato completamento dei lavori in atto, si avrebbero delle ripercussioni negative sotto il profilo economico e sociale. È più che mai necessario – afferma Garofalo – portare a compimento la realizzazione di due importantissime opere: la piattaforma logistica intermodale Tremestieri, con annesso scalo portuale, e il raddoppio degli svincoli di Giostra Annunziata, collettore autostradale Nord. Garofalo pertanto chiede al Governo un rapido intervento legislativo e la concessione di una proroga sino al completamento e all’entrata in esercizio delle relative opere.

(38)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *