Degrado in via del Santo. Denuncia, proposte e raccolta firme di Interdonato

viadelsantospazzaturaLe denunce di degrado sono ormai all’ordine del giorno. In diverse zone della città cumuli di spazzatura che sottolineano l’incuria, o peggio l’inciviltà, dei messinesi e la poca efficienza di chi, i rifiuti, dovrebbe rimuoverli.

Oggi, la zona messa sotto i riflettori, è quella del parcheggio di Via del Santo, un’area comunale ubicata nelle immediate adiacenze del Gran Camposanto.

Questo spazio, denuncia il consigliere comunale Santi Interdonato, «rappresenta una grave problematica ambientale e di ordine pubblico».

«Pur ricadendo in una zona vicinissima al centro cittadino – scrive l’esponente Pd in una nota – essa continua purtroppo a costituire un “comodissimo” sito per coloro i quali (ditte, singoli cittadini) intendono conferire abusivamente rifiuti di ogni genere. Ciò fa si che con cadenza pressoché settimanale in più punti l’area di parcheggio si ritrovi colma di materiale di risulta, suppellettili, sanitari, serbatoi in eternit».

Ma non è solo il deposito di rifiuti che denuncia il Consigliere: «Sotto altro profilo, con altrettanta frequenza si verificano atti di danneggiamento dei veicoli parcheggiati e, nelle ore notturne, incendi o furti d’auto. Da qui – spiega Interdonato – scaturisce l’inquietudine che grava sui cittadini residenti che lasciano la propria automobile nell’area di parcheggio, la quale di fatto rimane sottoutilizzata».

I cittadini residenti nella via Chiana e presso i rioni Palmara, Ariella e Fondo Pugliatti, zone densamente abitate, limitrofe al parcheggio, subiscono una situazione di grande disagio denunciata in più occasioni anche attraverso le prese di posizione della Terza Circoscrizione.

Dalla denuncia del problema, tuttavia, si vuole passare alla proposta, una formale istanza, elaborata dal consigliere del Pd, Interdonato, a sostegno della quale molti cittadini residenti presso i rioni interessati hanno posto la propria sottoscrizione.

Il documento con l’annessa raccolta di firme è stato trasmesso al Sindaco ed agli assessori competenti a vario titolo, al Comandante della Polizia Municipale ed al Prefetto e punta alla realizzazione dei seguenti interventi.

«I residenti del rione – dichiara Interdonato – esprimono il loro disagio ma anche  idee concrete per superare le problematiche. Ciò rappresenta un patrimonio di partecipazione civile che la Giunta Accorinti dovrebbe valorizzare accostandosi alle invocazioni di aiuto provenienti dai territori per difendere la vivibilità degli stessi».

«Le proposte, tra l’altro – afferma il Consigliere -, non vanno sottovalutate nella loro specificità perché palesano come per un verso vi sia la necessità di una risposta sul piano della vigilanza e del controllo del territorio da parte delle Autorità preposte e, sotto altro profilo, come i cittadini abbiano chiaro in mente quali siano gli interventi effettivamente idonei per riqualificare l’importante area».

Qui di seguito le proposte di Interdonato.

  1. pianificare una strategia di controllo dell’area di parcheggio per reprimere il conferimento abusivo di rifiuti e gli atti di incendio doloso dei veicoli attraverso l’aumento delle ronde notturne da parte delle forze di polizia e predisponendo un servizio di vigilanza nonché una azione investigativa volta a cogliere in flagranza gli autori di reato;
  2. inquadrare lo spazio pubblico di cui trattasi quale reale area di parcheggio con stalli a pagamento delimitati da strisce blu e conferire la stessa alla gestione dell’ATM – Azienda Trasporti Municipalizzata, con relativo controllo da parte degli ausiliari del traffico e rilascio di pass per i residenti della zona;
  3. apporre gli elementi di segnaletica orizzontale e verticale necessari per regolamentare la viabilità di accesso ed uscita dell’area;
  4. programmare ed eseguire interventi di potature degli alberi ivi insistenti ed interventi mirati di rimozione degli alberi pericolanti a rischio schianto con relativa sostituzione;
  5. progettare in una parte dell’area di parcheggio, uno spazio arredato entro il quale collocare giochi per bambini, panchine e fioriere al fine di compiere una minima riqualificazione.

 

(199)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *