Debiti fuori bilancio, Le Donne chiede ai dirigenti di fare dietrofront

Antonio Le Donne1“In conseguenza del mancato perfezionamento della procedura di riconoscimento dei debiti fuori bilancio entro l’esercizio finanziario 2016 e dunque del mancato perfezionamento dell’impegno di spesa, si dispone il ritiro delle proposte di delibera di riconoscimento dei debiti fuori bilancio, per la riformulazione di tutti i pareri ad esse aderenti e la corretta imputazione degli impegni di spesa nell’esercizio corrente”.

Una nota tanto striminzita quanto sibillina, che il segretario generale del Comune, Antonio Le Donne ha fatto recapitare a tutti i dirigenti dell’ente e. per conoscenza, anche al sindaco alla presidente del Consiglio Comunale. Tutto da rifare, quindi, le delibere sui debiti fuori bilancio vanno ritirate, per via dell’assenza della copertura finanziaria.

Gli atti dovranno poi essere muniti di un nuovo parere del dirigente al ramo per poi finire all’interno del Previsionale 2017. Una bella gatta da pelare per i consiglieri ma per tutto l’apparato burocratico di Palazzo Zanca, perché quello dei debiti fuori bilancio è un tema spinoso che di tanto in tanto torna a far discutere, senza che però si arrivi mai ad un punto.

Da diverso tempo, in occasione delle sedute della I commissione, i consiglieri hanno chiesto all’amministrazione e allo stesso Le Donne di chiarire il principio secondo cui le delibere approdano in aula, o per categoria o per importanza e grandezza d’importo.

Tutto però è rimasto ancora un po’ nell’aria, i dubbi e le perplessità sono rimaste tali, anche se il Consiglio più volte negli ultimi mesi si è ritrovato ad approvare delibere sui debiti fuori bilancio. A questo sorge spontaneo domandarsi che cosa ne sarà degli atti già approvati.

Antonio Macauda

(293)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *