De Luca contro Sciacca. Il Sindaco: «Sia rimosso dal suo incarico»

Foto confronto fra i candidati sindaco Sciacca e De LucaÈ botta e risposta tra il Sindaco De Luca e il Direttore del Centro regionale per l’Impiego, Gaetano Sciacca.

Tutto ha inizio ieri, quando il primo cittadino ha invitato Sciacca a dire “ai suoi uffici che bisogna rilasciare la ricevuta dei ricorsi/osservazioni dei soggetti che hanno fatto istanza per essere assunti a tempo determinato nella MessinaServizi e sono rimasti esclusi o scavalcati”.

La risposta si Sciacca non è stata quella che il Sindaco immaginava: «Ho letto stamattina delle sue dichiarazioni alquanto inquietanti – ha dichiarato attraverso un video sulla sua pagina Facebook – il quale si permette di dichiarare che “in futuro non accadrà più che i suoi uffici si mettano a disposizione di un’Amministrazione comunale guidata da un personaggio come l’attuale Sindaco”. Gaetano ma pensi di essere a casa tua, o pensi che i tuoi impiegati siano i tuoi scendiletto? Usi i tuoi uffici con la logica privatistica o con quella politica, oppure pubblici uffici si possono permettere di non dare la ricevuta anche della carta igienica che viene presentata da un libero cittadino, perché allo sportello non si fa e non esiste la verifica preventiva di ciò che si può o non si può presentare».

De Luca, furioso, ha lanciato un avvertimento a Sciacca: «Mi aspetto le pubbliche scuse, in ogni caso ora scriverò ai tuoi superiori perché non ti puoi permettere di minacciare un Sindaco e di dire che non collaborerai più con l’Amministrazione comunale. O addirittura di dire che ci hai fatto una cortesia: chiederò conto e ragione di quanto hai speso per farlo. Gaetano Sciacca io rispetto tutti, ma pretendo rispetto e non accetto queste mistificazioni.

Farò presentare – conclude – a qualche Parlamentare un’interrogazione urgente chiedendo anche la tua rimozione perché ti dimostri ancora una volta incompatibile da un punto di vista ambientale con Messina».

(938)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *