Cateno De Luca lascia l’UDC: «Non condivido la logica dei pupi e pupari»

Foto di Cateno De Luca - deputato ARS - Sicilia Vera - UdcIl deputato regionale Cateno De Luca torna a far palare di sé scegliendo di lasciare l’UDC per migrare verso il Gruppo Misto.

«Il mio passaggio all’Ars dall’Udc al Gruppo Misto non è collegato assolutamente alla suddivisioni di posizioni all’interno dell’aula – spiega il deputato – anche perché non ero interessato ad avere ruoli. Il mio obiettivo è candidarmi e fare il sindaco di Messina».

« Il passaggio al Gruppo Misto – prosegue De Luca – nasce da  un problema di metodo, il nostro movimento Sicilia Vera ha contribuito in modo determinante  al raggiungimento del risultato elettorale dell’Udc, ma all’interno del gruppo è mancata una preventiva chiarificazione su quelle che dovevano essere le posizioni interne e i criteri di scelta. Quindi questa mattina ho fatto la mia comunicazione, dopo aver aspettato in più occasioni che si discutesse sul metodo e le conseguente indicazioni. Visto che è mancato questo chiarimento ho fatto questa scelta alla luce del sole  non condividendo la logica dei pupi e dei pupari».

«D’altronde, come in passato,  quando mi trovo di fronte a personaggi che pensano d essere pupari – commenta il deputato – io reagisco avvisandoli preventivamente che non è giusto trattare gli altri come pupi: tuttavia la perseveranza a fare ‘u spertu’ porta alla rottura».

«Ora – conclude De Luca – senza legami con i partiti sarà più semplice fare la campagna elettorale per sindaco di Messina privo da condizionamenti. Nel frattempo inizio a preparare la mia proposta di finanziaria nell’interesse della Sicilia e dei Siciliani che sicuramente sarà diversa da quella che stanno elaborando la maggioranza e l’opposizione».

Domani, 22 dicembre, alle 16.30 al Palacultura di Messina Cateno De Luca presenterà il suo libro “La lupara giudiziaria”, edito da Armando Siciliano Editore.

 

(174)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *