Bilanci Comune, Lab Dem:”Il dissesto è nei fatti”

laboratorio-democratico- per nuovoIl fascicolo aperto dalla Procura sui bilanci prodotti dall’amministrazione Accorinti, ha riacceso la discussione attorno alla gestione finanziaria di Palazzo Zanca.

Lab Dem ritorna a parlare del Piano di Riequilibrio, riproponendo il dilemma sul dissesto finanziario:”Riteniamo sia necessario che qualcuno spieghi al Sindaco Accorinti che non è lui, ma la legge a determinare se é possibile portare avanti il piano di riequilibrio oppure, non essendoci i numeri si deve dichiarare il dissesto – scrivono Il Responsabile delle Politiche Finanziarie, Luigi Beninati, Il Coordinatore Regionale Francesco Barbalace, Il Coordinatore Provinciale Messina, Giuseppe Fera – Cercare a tutti i costi di evitare una realtà che è nei fatti, è possibile solo alterando i dati finali contabili. E’ per questa ragione che sono stati rinviati a giudizio i precedenti Amministratori e Dirigenti del Comune di Messina. Quanto ai sacrifici imposti da un eventuale dissesto ci spieghi quali sono: le tariffe dei servizi sono già al massimo e la Corte dei Conti ha vietato al Comune qualunque spesa eccedente l’ordinaria amministrazione. La stessa Corte dei Conti ha ritenuto gli atti finanziari dell’Amministrazione Accorinti così “apprezzabili” da volerne condividere il contenuto con la propria Procura Regionale, già oltre un anno fa. Gli stessi atti che ora attirano l’attenzione della Procura della Repubblica; il tutto per difendere un piano di riequilibrio che i revisori dei Conti hanno già dichiarato sostanzialmente fallito in considerazione dei gravi scostamenti tra quanto dal Comune programmato e quanto, invece, realizzato nei suoi primi due anni di applicazione”.

Lab Dem invita il sindaco a fare chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune:”Desideriamo spiegare ad Accorinti che essere “assolto per non aver compreso il fatto” è solo il titolo ironico di un recente libro a Lui dedicato e non una reale formula legale che salva da responsabilità di vario genere. Non per la legge italiana almeno, per quella tibetana non sappiamo. Si invita quindi ancora una volta il Sindaco a fare piena luce sulla reale situazione del Comune di Messina, poiché la “macelleria sociale” la sta realizzando proprio Lui non riconoscendo a circa 14.000 creditori quanto loro dovuto e non riscendo a presentare piani industriali che consentano una più sana gestione delle partecipate”.

(98)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *