Aumentano gli incassi degli oneri concessori. De Cola fa il punto

assessore Sergio De ColaIl Dipartimento edilizia privata ha redatto il rapporto per il terzo trimestre 2015 relativo agli oneri concessori confermando l’andamento positivo dei trimestri precedenti,questa volta  con un incremento pari al +80% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo dato non comprende quanto incassato dalle sanatorie da cui, grazie ad un progetto avviato dall’Amministrazione, e’ stato incassato a oggi più di un milione di euro.
“Questi dati confortanti, – commenta l’assessore ai rapporti con il Consiglio, all’Urbanistica, alla Protezione Civile e ai Lavori Pubblici, Sergio De Cola -, suggeriscono una riflessione più complessiva sul comparto dell’edilizia che sicuramente è tra quelli che più soffre, in tutta Italia, la crisi strutturale del paese. Le azioni che abbiamo  intrapreso si muovono su due linee, l’una tendente a sostenere le grandi opere (porto di Tremestieri, svincoli, Bisconte Cataratti, la via Don Blasco) che possono dare respiro per alcuni anni al settore, la seconda è invece relativa alla programmazione dei territori e quindi alle relative opere. Abbiamo sostenuto con impegno in tutte le sedi regionali e nazionali le iniziative importanti: il progetto della via Don Blasco (21 mln) per il quale siamo in attesa della erogazione del decreto di finanziamento da parte della Regione;  il progetto relativo al torrente Bisconte Cataratti (30 mln)  per cui si attende il finanziamento nazionale attraverso la struttura di missione Italia Sicura; in fase di scrittura e’ il decreto di finanziamento per il porto a Tremestieri. In merito alla programmazione, continua l’assessore ai lavori pubblici, è stata rifondata/riattivata tutta la pianificazione urbanistica in città: studio ambientale sul Prg vigente già completato ed inviato alla Regione, piano ex aree Asi ormai in fase di ultimazione, Variante di salvaguardia ambientale in approvazione all’Arta per poi essere discussa dal Consiglio; Piano particolareggiato Mortelle-Tono  in fase di ultimazione dopo essere stato riletto, come il piano per le aree ASI, in coerenza con le linee guida del redigendo Prg”.
“Una grande mole di lavoro che il dipartimento affronta, – sottolinea De Cola – , nonostante la carenza di personale che deve peraltro garantire i servizi all’utenza. Tra i progetti avviati all’interno del dipartimento, il già ricordato progetto per l’esame delle sanatorie e quello per  la digitalizzazione dei circa 40.000 fascicoli che costituiscono l’archivio dell’edilizia privata per renderli consultabili on line.
L’Amministrazione sta adesso lavorando, per rispondere alle esigenze manifestate da ordini professionali e costruttori, sulla possibilità di aprire ulteriori spazi di lavoro, rivedendo la normativa relativa alle zone B5 dell’attuale Prg.  È questo un tema che come anche gli altri  dovrà essere condiviso senza fughe in avanti  ma continuando a lavorare insieme nell’interesse della città”.
“I dati ufficiali, – conclude De Cola -, ci dicono che la strada intrapresa non è sbagliata, gli esiti degli incontri organizzati di recente dall’Amministrazione (Città Metropolitane e resilenti 22/10/2015) con qualificati protagonisti del panorama nazionale, come Fabrizio Barca, Patrizia Gabellini e Silvia Viviani,  ci incoraggiano a continuare sulla strada avviata. Rilanciamo quindi un confronto reale e costruttivo, privo di pregiudizi e coerente con le reali necessità del territorio: mitigazione del rischio idrogeologico, recupero delle aree urbane, salvaguardia ambientale”.

(38)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *