Assistenza domiciliare anziani, Gioveni:”Lavoratori senza stipendio da 5 mesi”

libero-gioveniIl servizio di assistenza domiciliare agli anziani è a rischio. A lanciare l’allarme è il consigliere comunale Libero Gioveni, che accende i riflettori sulla situazione dei lavoratori del Consorzio “Sol.Co”. Quest’ultimo gestisce il servizio dal 7 maggio 2015 e racchiude le cooperative “Sviluppo solidale” e “Obiettivo Salute e Lavoro”, per un totale di circa 25 unità operanti.

Nonostante il servizio sia finanziato con i fondi della legge 328, questi lavoratori non percepiscono lo stipendio da almeno 5 mesi. L’esponente dei Centristi per la Sicilia, scrive all’amministrazione comunale:”Questo personale, che svolge un servizio agli anziani ad ampio raggio (dalla semplice assistenza alla ben più impegnativa igiene personale), da ben 5 mesi non percepisce lo stipendio! L’ultima retribuzione, incassata di recente, è riferita allo stipendio del mese di settembre 2016. Tale condizione deficitaria, come spesso accade quando in ballo ci sono dei servizi così delicati e indispensabili rivolti alle categorie svantaggiate, non sta comportando finora alcun pregiudizio al servizio, proprio perché i dipendenti del Consorzio hanno dimostrato e continuano a dimostrare quel grande senso di responsabilità che li ha sempre contraddistinti e che è proprio di chi è chiamato a svolgere un compito così delicato verso chi è più debole. E’ pur vero, però, che questo personale non riesce più a sostenere una situazione certamente incresciosa per la quale, tra l’altro, non si riescono a comprendere chiaramente i reali motivi che l’hanno determinata”.

Nella sua nota, Gioveni intende sapere:

. Quali siano i motivi ostativi (tecnici o finanziari) che impediscono il regolare pagamento delle retribuzioni ai lavoratori del Consorzio “SOL.CO”.

. Quali iniziative intendano prendere per regolarizzare tutte le spettanze arretrate e per impedire che quanto finora accaduto non abbia più a ripetersi, nell’esclusivo interesse del mantenimento del prezioso servizio di assistenza domiciliare agli anziani.

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *