Asili nido, Gioveni:”Perchè il Comune non li considera servizi essenziali?”

libero-gioveniGli asili nido sono servizi fondamentali o a domanda individuale? Se lo domanda il consigliere comunale Libero Gioveni, che da tempo ritiene che gli asili nido ricadano nella prima categoria. L’esponente del Centristi aveva chiesto delucidazioni all’ex assessore, Luca Eller:” Il buon Luca Eller è andato via e con lui forse la speranza di avere una risposta “epocale” ad un quesito che poteva dare un’importante svolta nella gestione dei servizi sociali: gli asili nido possono essere considerati “servizi obbligatori i per legge?”.

Gioveni, nella sua nota inviata all’amministrazione, ricorda le leggi che inseriscono gli asili tra i servizi essenziali, tra cui la Legge Delega sul Federalismo Fiscale del 2011. Il consigliere comunale ricorda ci sarebbero anche dei benefici economici a vantaggio del Comune di Messina:” Riuscendo invece ad estrapolare (e quindi a svincolare) gli asili nido da questa tipologia  – prosegue Gioveni – si spianerebbe la strada verso un risparmio nella gestione dei servizi e per le tasche delle famiglie, aprendo di riflesso altri canali di finanziamento extra comunali per l’assistenza all’infanzia!Per questo – rimarca convinto il rappresentante dei Centristi – ho voluto sempre tirare fuori dal cilindro (che non mi sono certamente inventato io) qualcosa che riuscisse  a considerare questa categoria di servizi come essenziali per legge”.

Gioveni, quindi, auspica che in assenza di Eller qualcuno di questa Amministrazione che si professa tanto “rivoluzionaria” anche nel settore dei servizi sociali faccia adesso arrivare la tanto attesa “fumata bianca”, perché tale “trasformazione” del servizio asili nido, nella gestione complessiva di tutti i servizi, rappresenterebbe di certo un “toccasana”.

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *