“Arroganza politica al quarto quartiere”.Lo sostengono i consiglieri del PdL e di SiAmo Messina

municipioDue vicepresidenti, due del centrosinistra, e questo non piace alle restanti rappresentanze politiche del quarto quartiere, quello presieduto da Gianfranco Palano Quero. Stamani, infatti, a Palazzo Zanca, nel corso della riunione interna, sono stati eletti vicepresidenti del quarto quartiere Maurizio Guanta, del Pd, e Pietro Caliri, dell’Udc, entrambi consiglieri al secondo mandato.- Il clima si è fatto teso nella quarta circoscrizione, e non è stata una tensione rimasta all’interno del consiglio di quartiere. Nel pomeriggio, infatti, un comunicato stampa ha reso noti i malumori interni.
“E’ con il piede sbagliato che si sono avviati i lavori del Consiglio della Quarta Circoscrizione” – scrivono i quattro consiglieri eletti nelle liste del Popolo della Libertà e SiAmo Messina, Giovanbattista Caruso, Francesco De Pasquale, Maria Fernanda Gervasi e Daniele Travisano.
“Spiace che- continuano – al contrario di quanto affermato sin dalle prima battute, e cioè che sarebbe stato importante collaborare in maniera unitaria, al di là delle logiche di stretta appartenenza e contrapposizione politica, nell’interesse esclusivo della cittadinanza, così da proseguire un percorso già avviato negli anni passati di fattiva collaborazione, si sia invece preferito compiere, con l’elezione a vicepresidenti dei consiglieri Guanta e Caliri, un atto di arroganza politica.
Un atto, tra l’altro, perpetrato senza sentire la necessità di esplicitare delle linee programmatiche sulle quali aprire un dibattito e avallato da buona parte dei consiglieri che oggi rappresentano la maggioranza, composta dalla coalizione di centrosinistra allargata agli eletti delle liste collegate al Presidente Palano Quero, ed escludendo in maniera deliberata la collaborazione dei consiglieri di centrodestra”.
“Prendiamo atto – concludono i consiglieri eletti nel centrodestra- della scelta di relegarci ad un ruolo di opposizione, che comunque eserciteremo sempre in maniera responsabile nell’interesse dei cittadini e portando avanti le istanze e le sensibilità che provengono dal territorio, senza pregiudizi e con spirito collaborativo nei confronti della nuova amministrazione guidata dal sindaco Accorinti ”.

 

(59)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *