Abolizione pedaggio Villafranca, oggi e domani raccolta firme a piazza Cairoli

casello-villafranca-tirrena-a20-nebrodi24-e1460701197246Inizia oggi la raccolta firme promossa dai consiglieri della VI Circoscrizione, Mario Biancuzzo e Salvatore Scandurra, per abolire il pedaggio al casello di Villafranca. Una tematica che annualmente viene riproposta, lo stesso Biancuzzo nell’arco di tutto questo tempo ha inviato al Cas e agli organi competenti una lunga serie di atti dove si richiede l’abolizione di una tassa ritenuta illegittima, visto che il casello ricade ancora sul territorio messinese.

Oggi e domani a piazza Cairoli, dalle 10 alle 13, è possibile apporre la propria firma: “L’iniziativa – si legge in un comunicato – nasce dal fatto che il tratto della tangenziale Messina – Ponte Gallo, denominato erroneamente Villafranca, sin dalla realizzazione dell’autostrada è stato gravato da pedaggio, insieme a tutti gli altri tratti della tangenziale, ovvero quelli di Boccetta, Gazzi, Messina Sud e Tremestieri. Dopo qualche anno, i citati tratti sono stati sgravati dal pagamento in quanto situati nel territorio del Comune di Messina; le uniche uscite ed entrate rimaste a pagamento sono rimaste quelle di Ponte Gallo nonostante, anch’esse, facciano parte del Comune di Messina. Tale disparità di trattamento è ingiustificata, intollerabile e gravissima. I cittadini residenti nella zona nord della città non accettano più questa discriminazione. Inoltre, il tratto in questione è il più costoso del territorio nazionale, infatti, per percorrere circa 10 km (Ponte Gallo – Boccetta) e viceversa, il costo ammonta a € 1,20 e, ultimamente, con l’apertura dell’ingresso a San Michele, i km utili per raggiungere la zona nord dal centro della città, tramite tangenziale, si riducono ulteriormente diventando 7. Nonostante ciò, arrivati a Ponte Gallo, il costo è  comunque di € 1,20: la proporzione costo/km, quindi, aumenta ulteriormente”.

“Negli anni – proseguono i consiglieri –  sia associazioni di consumatori, quanto singoli cittadini, hanno chiesto più volte, tramite esposti e denunce, anche a mezzo stampa, di abolire il pagamento di cui sopra, considerandolo un abuso ed un atto di ingiustizia.  Per di più, si precisa che la barriera in argomento non consente l’ingresso e l’uscita in entrambi i sensi di marcia, ma consente solo l’entrata verso Messina e l’uscita verso Orto Liuzzo Comune di Messina, fungendo più da bretella con la S.S. 113, agevolando la viabilità dei residenti della zona nord del Comune di Messine, che da tangenziale”.

(106)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *