Piano di riequilibrio e bilanci, Barrile: “Amministrazione in ritardo, si acceleri”

emilia-barrile per nuovoNei mesi scorsi il Ministero dell’Interno ha acceso i riflettori sul Piano di riequilibrio redatto dalla Giunta Accorinti. Al termine dell’istruttoria richiesta da Roma, è necessario rimodulare l’importante programma decennale con il quale l’amministrazione comunale ha evitato di intraprendere la strada che porta al dissesto. Sulla questione interviene il presidente del Consiglio Emilia Barrile che con una nuova nota sollecita Giunta, ragioniere Cama e direttore Le Donne, a presentare il documento finanziario affinché possa essere esitato in Consiglio comunale.

“Allo stato attuale – spiega Barrile – corre obbligo evidenziare che agli uffici Affari di Consiglio non è pervenuto alcun atto o documento relativo alla rimodulazione del Piano di riequilibrio pluriennale o notizie riguardo la sua predisposizione e ultimazione da parte dell’amministrazione, ma di contro si apprende della prossima presentazione del bilancio previsionale 2016. Si evidenzia  – continua la nota – che preliminarmente all’approvazione del previsionale 2016, il Consiglio comunale deve ancora ricevere dall’amministrazione altri documenti finanziari/contabili, quali per esempio il bilancio di previsione 2015, il consuntivo 2015, documenti fondamentali alla corretta programmazione di ogni efficace azione amministrativa di sviluppo del nostro Ente”.

“Sin dal suo insediamento . precisa Emilia Barrile – l’amministrazione non è mai riuscita a rispettare le scadenze di legge per la presentazione dei documenti finanziari/contabili, con il conseguente insediamento di commissari ad acta”.

Pertanto, il presidente del civico consesso rinnova l’invito a trasmettere urgentemente all’Aula la proposta di delibera inerente la rimodulazione dei Piano di riequilibrio e ogni altro documento finanziario per cui le norme hanno già previsto, in scadenza, i termini di approvazione.

(127)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *