UniMe. Borsa di Studio: 12.500 euro offerti dalla Fondazione Alessandro Pavesi

foto fondazione alessandro pavesi

 

12.500 euro è l’importo previsto dalla borsa di studio “Alessandro Pavesi” per il corso di perfezionamento all’estero sulla tutela dei diritti umani. Si tratta della decima edizione della borsa di studio ideata dalla Fondazione Alessandro Pavesi ONLUS: associazione nata in seguito alla scomparsa di Alessandro Pavesi, giovane studente di giurisprudenza che ha perso la vita durante un incidente stradale. Alessandro credeva fortemente nei valori di giustizia sociale e solidarietà e sognava di dedicare la sua vita alla tutela dei diritti umani.

La cifra messa a disposizione dalla Fondazione è destinata al perfezionamento degli studi all’estero nel campo dei diritti umani, il sogno che Alessandro voleva raggiungere.

La Fondazione nasce per far sì che altri ragazzi come Alessandro possano riuscire a perseguire una carriera nell’ambito della tutela dei diritti umani.

Requisiti per la borsa di studio “Alessandro Pavesi”

  • Laurea magistrale conseguita posteriormente al 31 luglio 2015 presso un’università italiana con tesi attinente ai diritti umani
  • Ottima conoscenza della lingua straniera utilizzata nei corsi prescelti per la fruizione della borsa
  • Assenza di condanne penali
  • Residenza Italiana

La borsa di studio Alessandro Pavesi non è compatibile con altre forme di finanziamento per esempio: assegni di ricerca, borse di dottorato di ricerca o altre borse di studio.

Per partecipare è necessario compilare e spedire un modulo online entro il 31 gennaio 2018, lo troverete sul sito web della Fondazione. Dopo di che sarà una commissione esaminatrice composta da docenti universitari nominati dalla Fondazione che che si occuperà dell’assegnazione della borsa di studi attraverso “insindacabile giudizio”.

Entro il 30 aprile 2018 la Fondazione pubblicherà la graduatoria dei candidati sul loro sito, per quanto riguarda il vincitore, “il suo nome verrà inserito nell’albo d’onore della borsa di studio Alessandro Pavesi”.

 

(69)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *