Vertenza Santa Rita. Fp Cgil risponde a Confindustria

fp-cgil-Clara Crocè, segretaria generale della Fp Cgil, risponde alle dichiarazioni del Presidente di Confindustria, in merito sulla vertenza della clinica Santa Rita: «Abbiamo sempre creduto che la missione di Confindustria fosse quella di lavorare affinché le aziende chiuse, per vari motivi, potessero riprendere la loro attività. Le dichiarazioni rese del Presidente di Confindustria sulla vertenza della Clinica Santa Rita, vanno in tutt’altra direzione».

«Le parole spese per sponsorizzare la clinica Cot, ai fini dell’ottenimento dell’accreditamento di nove posti letto appaiono agli occhi della Fp Cgil e dei lavoratori come quelli che vogliono agire per “Spogliare la Chiesa per vestire la sacrestia”». Questo il commento della Segretaria della Fpcgil Clara Crocé alle dichiarazioni di Schipani.

«Abbiamo ribadito più volte – continua − 9 posti letto per assumere 31 lavoratori, non ci convincono. Mi chiedo se il Presidente di Confindustria abbia contezza di come funzioni realmente la sanità privata a Messina che opera con fondi pubblici. Forse non è neanche a conoscenza che la clinica Cot su 92 posti letto ha in organico poco meno di 40 persone. E non solo la clinica Cot».

«Per questo la Fp Cgil ha chiesto – spiega Crocè − le ispezioni in tutte le cliniche private. Ci chiediamo i motivi per i quali Confindustria entra a gambe tese su una vertenza nata in Prefettura per riaprire una clinica che aveva 40 posti letto e 53 lavoratori. Perché dovremmo rinunciare a 31 posti letto? E ai lavoratori che non hanno resistito alla fame ci pensa?» «Messina ha fame di lavoro e assistenza sanitaria» conclude Clara Crocé.

(77)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *