Teseos, in arrivo i licenziamenti di massa. Si esprimono Cgil e Cisl

fpcgilLa Cooperativa Teseos ha annunciato ai lavoratori l’avvio delle procedure di licenziamento di massa dei lavoratori in seguito alla mancata concessione degli ammortizzatori sociali in deroga e al mancato accreditamento della Ssr. La Fp Cgil, che lamenta un serio immobilismo da parte delle istituzioni sulla vertenza dei servizi riabilitativi, ha inviato una nota al Commissario dell’Asp, Manlio Magistri, e all’Assessore alla Salute Lucia Borsellino. «Chiediamo ― dichiara Clara Crocè, Segretario Generale della Fp Cgil ― un urgente convocazione di tutte le parti in causa: Amministratore Unico della Ssr , Presidenti delle tre cooperative socie e delle Oo.Ss. I lavoratori sono stanchi di una vertenza che si trascina da oltre dieci anni. I servizi riabilitativi sono stati resi esclusivamente sulla pelle dei lavoratori che adesso rischiano il licenziamenti. È arrivato il momento di mettere un punto e chiudere la vertenza». La Fp Cgil proclama lo stato di agitazione di tutto il personale.

 

E sull’attivazione della procedure di licenziamento collettivo, ai sensi della legge Fornero, per tutti i 101 lavoratori a far data dal 30 giugno 2013, si esprime anche la Cisl: «Una decisione – commenta Calogero Emanuele, segretario generale della Cisl Fp – che è il frutto dell’inerzia e del disinteresse di tutti gli attori coinvolti a partire dall’Assessorato regionale alla Famiglia ma anche dall’Asp e della società Ssr». La Cisl ricorda che, da tempo, il sindacato aveva lanciato l’allarme sulla necessità di procedere alla riorganizzazione dell’intero sistema riabilitativo. «Si sapeva da diversi mesi – spiega Emanuele – che l’Asp non poteva più far parte delle società partecipate e quindi che il sistema Ssr sarebbe dovuto venire meno con la necessità di procedere all’accreditamento della società alla Regione per consentire la prosecuzione del servizio assorbendo tutti i lavoratori che sono adesso in forza alle cooperative». «Ci batteremo per non consentire una tale operazione – aggiunge il segretario della Cisl Fp. È necessario che entro il 30 giugno l’Assessorato regionale alla Famiglia, Lucia Borsellino, decida come ristrutturare e riorganizzare il sistema di riabilitazione per non lasciare, dal prossimo 1 luglio, senza alcuna assistenza gli oltre duemila utenti della provincia di Messina, dei quali l’80% sono minori disabili ai quali le Cooperative della Ssr rendono, annualmente, oltre 130mila prestazioni». Agli annunciati licenziamenti, però, si aggiunge anche la beffa degli stipendi. Ai lavoratori, infatti, sono state corrisposte solo due mensilità arretrate. «L’impegno assunto dalle Cooperative della Ssr nell’ultima riunione in Prefettura – ricorda Emanuele – era quello di pagare quattro mensilità correlate alle rimesse dell’Asp e della Ssr. Ad oggi, purtroppo, manca il pagamento del saldo 2012 per circa 287mila euro per onorare gli impegni assunti in Prefettura e non sono stati pagati gli stipendi del 2013».

 

 

 

(46)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *