Stop di FS alla rottura di carico: non si dovrà scendere dal treno per attraversare lo Stretto

traghettamentotreniBuone notizie per i viaggiatori sullo Stretto di Messina.  Il gruppo Fs ha infatti ufficialmente rinunciato  al progetto della “rottura di carico”,  che prevedeva che i passeggeri a bordo dei treni siciliani, per attraversare lo Stretto e poi proseguire il viaggio, dovessero scendere dal mezzo, salire da pedoni sulle navi veloci, per poi, arrivati in Calabria, prendere un altro treno giungere finalmente alle loro destinazioni. Tutto questo, come comunica il responsabile regionale mobilità della Uil Trasporti, Michele Barresi, è stato scongiurato. Non solo. Il  Ministero dei Trasporti ha sottoscritto  il nuovo contratto nazionale decennale di servizio per i treni a lunga percorrenza, confermando l’attuale volume dei servizi. Fs, inoltre, ha  annunciato anche un piano di acquisizioni di nuove navi, così da ringiovanire l’attuale flotta in servizio nello Stretto. Di seguito il comunicato stampa di Uil Trasporti.
“Arriva durante un incontro con le organizzazioni sindacali nazionali, tenutosi lo scorso 1 febbraio col Gruppo FS, la comunicazione ufficiale che la paventata rottura di carico effettuata a Villa S. Giovanni e Messina non è più un obiettivo delle Ferrovie, poiché anche il Ministero dei Trasporti ha chiesto di mantenere il servizio di continuità territoriale sullo Stretto effettuato a bordo dei treni a lunga percorrenza. ‘A distanza di quasi quasi due anni arriva quindi il dietro front ufficiale del Gruppo Fs – dichiara con soddisfazione Michele Barresi, responsabile regionale mobilità della Uiltrasporti Sicilia – e possiamo oggi dire che quella piazza che il 14 febbraio 2015 a Messina si oppose con una grande mobilitazione cittadina alla definitiva dismissione dei treni a lunga percorrenza sullo Stretto, programmata da Ferrovie dello Stato, finalmente ha vinto.
E a tal proposito in questi giorni – continua Barresi – il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministero dell’Economia e Finanza hanno definito con Trenitalia anche il nuovo contratto per il servizio ferroviario “universale”, che avrà una durata decennale, con decorrenza dal 1° gennaio 2017 e scadenza 31 dicembre 2026, nel quale viene confermato l’attuale volume dei servizi dei treni a lunga percorrenza.
La durata decennale del contratto, che costituisce una novità assoluta, e le maggiori risorse stanziate – dichiara Barresi – consentiranno un complessivo rilancio del servizio in tutta Italia, pertanto occorre vigilare affinché anche per i treni siciliani che attraversano lo Stretto finiscano le continue emergenze e le paventate soppressioni a cui da anni siamo stati abituati. Da oggi non ci sono più scuse  affinche’ il rinnovamento dei treni e la qualità del servizio siano adeguati finalmente alle reali esigenze della domanda dell’utenza siciliana’.
Infine, è stata riferita dal Gruppo Fs l’ipotesi che nell’altro Contratto di Servizio con Rfi attinente invece la continuità territoriale venga inserito il cosiddetto “traghettamento veloce, attualmente effettuato dalla Società di proprietà di R.F.I. – Bluferries – tra Villa S. Giovanni e Messina. Notizia di per se positiva – prosegue la Uilt Sicilia – anche se ad oggi continuano a mancare da parte del Ministero le risorse necessarie ad esso destinate. Un servizio con un costo annuo di 3 milioni di euro,di cui solo 850 mila recuperati dagli incassi di bigliettazione, e a cui il Ministero non destina un euro dal 1 gennaio 2015, sebbene sia un servizio importante per l’area metropolitana dello Stretto ed impiegato da 300 mila passeggeri l’anno.
Prima di modificare l’organizzazione attuale del servizio, che transiterebbe dalla società Bluferries direttamente in capo ad Rfi, serve un confronto congiunto con Istituzioni e Gruppo Fs – continua la Uilt – perché se da un lato i livelli occupazionali del personale marittimo sono stati tutelati da un recente accordo integrativo sottoscritto dal sindacato con Bluferries, a rischio ci sono invece 40 posti di lavoro nell’indotto e c’è la necessità di dare risposte all’utenza migliorando il servizio offerto.
Chiediamo pertanto con insistenza un confronto in merito con il Ministero dei Trasporti ed il Gruppo Fs – continua la Uilt Sicilia – per implementare l’attuale servizio destinando opportune risorse economiche per realizzare un sistema di traghettamento veloce con corse cadenzate ogni mezz’ora e potenziare le attività di assistenza a terra per la clientela, tutelando così utenza e occupazione” .
Ad esultare sono anche i componenti del comitato #IlFerribotteNonsiTocca, che il 14 febbraio di due anni fa scese in piazza per manifestare a favore della continuità territoriale: “La rottura del carico, a suo tempo propagandata come modernizzazione del sistema, era in realtà un rilevante taglio alle sovvenzioni statali per la continuità territoriale garantita con il servizio universale ferroviario a lunga percorrenza. Frange della politica e del mondo sindacale si schierarono col bluff che il Governo, anche quello regionale, stava operando a danno del territorio per orientare le sovvenzioni pubbliche verso altre destinazioni ma la gente disse un forte NO! Compattatisi con il Movimento Popolare ILFERRIBOTTENONSITOCCA, siciliani e calabresi riuscirono a essere attori principali nella trattativa con Governo e Ferrovie che intuendo la portata della protesta bloccarono temporaneamente l’operazione. L’ufficializzazione dell’archiviazione del progetto di rottura del carico è senza dubbio una buona notizia ma molti punti restano da chiarire, accontentarsi di mantenere il vetusto sistema esistente vanificherebbe il buon lavoro fin qui svolto. Noi vogliamo tutto! Treni veloci su navi moderne e ripristino delle sovvenzioni per il traghettamento veloce dei pendolari”.

(1578)

1 Comment

  • Piero scrive:

    Sogno che tornasse tutto come prima con i treni che partono dalla Sicilia per poi proseguire a lunga percorrenza in tutta Italia, per non discriminare ne gli anziani ne i portatori di handicap.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *