Per il passaggio all’Amam ci sono anche gli ex Feluca. La Fim Cisl ricorda le promesse della giunta Accorinti

giunta accorinti stampa“Per l’Amministrazione comunale la mobilità interna tra società partecipate sembra essere la soluzione a tutti i problemi. Così si promette ai lavoratori, oggi quella, domani di un’altra società partecipata, che ricorreranno a questa norma per salvaguardare i posti di lavoro”. Perplessità e parecchi dubbi sulla reale volontà di seguire questo percorso sono espressi dal segretario generale della Fim Cisl di Messina, Nino Alibrandi, che aveva proposto la soluzione in esame lo scorso agosto per la vertenza Feluca. “È stato persino sottoscritto un verbale di riunione – spiega Alibrandi – con l’impegno formale al passaggio dei lavoratori ex Feluca ad altre partecipate del Comune, tra le quali Amam. Ma, ad oggi, nulla di quanto è stato concordato è andato in porto”.

La Fim Cisl è allarmata dalle notizie di stampa che riportano l’intenzione dell’Amministrazione comunale di adottare la mobilità tra partecipate indirizzate verso l’Amam. “Così – dice Alibrandi – non si farebbe altro che alimentare una guerra tra lavoratori, in quanto i lavoratori ex Feluca attendono la mobilità verso l’Amam dallo scorso scorso. Gli impegni, se si assumono, bisogna che si mantengano. Non si può sempre promettere senza fare di conto. La nostra posizione non è contro i lavoratori Ato o di altre partecipate, ma pretendiamo chiarezza dall’Amministrazione comunale sugli impegni presi nei confronti di altri lavoratori. Le troppe promesse, alla fine, rischiano di non poter essere mantenute illudendo i lavoratori”.

(30)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *