Messina. I sindacati a De Luca sulla questione dei bus elettrici: «La campagna elettorale è finita»

atm-insegnaMessina. Sembra esserci ancora attrito tra il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, e i sindacati che, in merito alla questione sollevata ieri sulla presunta mancanza delle colonnine di ricarica dei bus elettrici, fanno alcune precisazioni riferendosi, tra l’altro, all’episodio come «il finto mistero delle colonnine scomparse».

Il primo cittadino, ieri, aveva evidenziato come – a suo avviso – nel bando per l’acquisto dei bus elettrici, in arrivo il prossimo ottobre, non fosse prevista la presenza di stazioni di ricarica. Oggi, a seguito di un incontro con il dirigente del Dipartimento Mobilità Urbana Mario Pizzino, c’è stata una piccola correzione. Le “colonnine” ci sono, ma mancherebbe l’impianto elettrico di alimentazione.

Nel frattempo, alle affermazioni pubblicate ieri sulla pagina Facebook ufficiale del sindaco De Luca, il Filt Cgil, Fiti cisl, Uiltrasport hanno risposto con una nota che pubblichiamo integralmente.

«Ieri il sindaco De Luca ha annunciato tramite un post Facebook, con la consueta enfasi che lo contraddistingue, che “arrivano 16 autobus elettrici ma non è stata prevista la colonnina per caricarli e ricaricarli!”. Aggiungendo che “la precedente amministrazione ha investito circa 8 milioni di euro per l’acquisto di 16 autobus elettrici (scelta condivisibile) però ha dimenticato di realizzare l’impianto di alimentazione (colonnina di ricarica)”.

In poche righe una serie di errori che non possiamo accettare da un primo cittadino che sembra essere intenzionato a delegittimare continuamente Atm per colpire la vecchia governance.

Innanzitutto i bus elettrici acquistati sono 13 e non 16. Invece 16 sono le colonnine elettriche da installare per la ricarica dei bus (nel bando si fa in realtà riferimento a 2 stazioni di ricarica, ndr). Poi ulteriore confusione sugli 800 mila euro che servirebbero per queste colonnine: questa somma si riferisce alla progettazione tecnica ed esecutiva per la realizzazione di una cabina elettrica che sarà installata nel deposito di Maregrosso che serve per fornire elettricità alle colonnine. Un progetto già affidato dalla vecchia governance Atm nello scorso mese di luglio.

Altro errore: per i bus elettrici non sono stati spesi 8 milioni di euro. Il finanziamento Pon Metro 2014-2020 impiegato per l’acquisto di nuovi bus è stato così ripartito: 5.189.000 euro per i 13 autobus elettrici e 1.260.000 euro per la fornitura di 7 autobus lunghi gasolio Euro VI Classe II.

Fatte queste doverose premesse, andiamo a leggere schema del bando di gara, capitolato tecnico, determina dirigenziale con cui si dava il via alla procedura: in tutti gli atti che riguardano l’acquisto dei 13 bus elettrici si prevede anche la realizzazione di due stazioni di ricarica per i bus.

Basta leggere questo paragrafo estratto dallo schema del bando di gara, nella sezione “Oggetto dell’appalto” – Breve descrizione dell’appalto o degli acquisti: L’appalto comprende la completa fornitura, chiavi in mano, di n. 13 autobus urbani classe Europea I, ad alimentazione elettrica, pianale ribassato, con allestimenti per un disabile non deambulante, e n. 2 stazioni di ricarica rapida, da adibire al servizio di trasporto pubblico urbano, nella città di Messina e nelle linee autorizzate dell’area metropolitana”.

Nel capitolato tecnico addirittura si forniscono precise indicazioni su come e dove dovranno essere realizzate le due stazioni di ricarica, con tutti i dettagli tecnici e progettuali.

Dunque perché il sindaco parla di 16 bus in arrivo e colonnine “dimenticate”? Se non sono menzogne allora qualcuno non legge le carte e la situazione anche in questo caso poco ci rassicura, specialmente se con la stessa perizia si leggono i bilanci e si tagliano i servizi, mandando a casa decine di lavoratori come accaduto poche settimane addietro. Nelle esternazioni del sindaco ci sono errori evidenti su costi e numeri del bando che non fanno certo onore ad un amministratore attento qual è il nostro primo cittadino.

Signor sindaco se la sua strategia serve unicamente a distruggere quanto fatto, anche di buono, dalla precedente amministrazione onestamente ci sembra un’assurdità e la avvisiamo che la campagna elettorale è finita e adesso è il momento di amministrare, ma probabilmente la strategia serve a nascondere i primi passi falsi della nuova gestione che già in un mese ha fatto drastici tagli ai servizi, esternalizzazioni ed errori di valutazione grossolani isolando interi villaggi.

Se poi in sede di aggiudicazione della gara d’appalto da parte della commissione aggiudicatrice ci sono stati degli errori allora si individuino le precise responsabilità. Senza la frenesia lampante di dover delegittimare a tutti i costi quanto fatto fino ad oggi dall’Atm per colpire la vecchia amministrazione, cosa che poco ci interesserebbe, se non riguardasse da vicino il servizio ai cittadini ed il futuro di 500 lavoratori».

(239)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *