Il Comune media e Bluferries resta un altro mese al porto storico

nave rfi nuovoLo scorso 16 settembre una nota del sindacato Orsa segnalava la decisione di Rfi pronta ad eliminare le proprie navi bidirezionali dal porto storico a partire dal primo ottobre. L’Orsa aveva lanciato l’allarme richiedendo un incontro con le istituzioni coinvolte. Richiesta accettata: questa mattina a Palazzo Zanca l’amministrazione comunale ha infatti convocato sindacati e vertici Bluferries per porre chiarezza sulla questione.

Dapprima, alla presenza degli assessori Cacciola e Pino , l’amministratore delegato di Bluferries Giuseppe Sciumè ha confermato che a seguito di esigenze di natura tecnica la società ha l’obbligo di disporre il fermo per manutenzione a rotazione  di tutte le tre navi della flotta pubblica ad iniziare dalla Riace e per un periodo complessivo di sei mesi . Per scelte commerciali pertanto il piano di esercizio di Bluferries prevederebbe dal 1 ottobre la soppressione dei collegamenti navali tra porto storico e Villa San Giovanni lasciando le restanti due navi solo sulla tratta Tremestieri.

Un provvedimento che secondo Orsa avrebbe effetti negativi immediati sull’occupazione del personale e sulla continuità territoriale tra Sicilia e Calabria. Il Comune si è dimostrato sensibile alla problematica segnalata dal sindacato, il sindaco Accorinti ha infatti manifestato la volontà di aprire un confronto con il Ministero dei Trasporti al quale è già stata inviata una nota. La netta presa di posizione dell’amministrazione comunale ha indotto Rfi a innestare  (seppur parzialmente) la retromarcia. Bluferries si è infatti  detta disponibile a prorogare per tutto ottobre la permanenza delle navi nel porto storico al fine di venire incontro alle esigenze della cittadinanza e dare ulteriore tempo per chiedere adeguati interventi presso il Ministero .

“Di certo l’intervento tempestivo dell’amministrazione comunale che questo sindacato ha richiesto – dichiara Orsa –  e’ da apprezzare ma siamo consapevoli che quello di oggi e’ unicamente di un pannicello caldo mentre ben altra cosa è ricercare la soluzione di una problematica che persiste da anni . Un mese di tempo – continua l’ORSA – deve servire a far remare tutti nella medesima direzione pretendendo con forza dal Governo nazionale il reperimento delle risorse per garantire collegamenti efficienti e necessari nella tratta dal porto storico a Villa San Giovanni alla stregua di quanto fatto per la rotta Messina – Reggio Calabria  per la quale sono stati impegnati 28 milioni di euro per i prossimi quattro anni”.
“Al tempo stesso – conclude la nota – ribadiamo a questa amministrazione la necessità di pianificare e mettere in atto sul territorio ogni utile intervento di propria competenza per garantire la permaneza delle navi Bluferries nel porto storico al fine di tutelare occupazione e diritto alla mobilita’ di milioni di pendolari che annualmente ne usufruiscono”.

(147)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *