Edipower. Confermati investimenti dell’azienda. Sindacati: «La Regione faccia la sua parte»

presidio edipowerE’ ripresa stamattina in Confindustria a Messina la trattativa sul futuro della centrale termoelettrica Edipower di San Filippo del Mela mentre, fuori dalla sede di Assindustria, a piazza Cavallotti, i lavoratori effettuavano un presidio. La protesta dei lavoratori diretti e dell’indotto in questi mesi è stata ferma e continua per la salvaguardia di un importante sito produttivo del territorio.

Presenti all’incontro le segreterie territoriali e regionali di Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil e le rsu.

La capogruppo A2A, rappresentata dal responsabile settore elettrico, Tiberga, e dal responsabile relazioni industriali, Gerosa, ha confermato l’investimento di 120mln per la riconversione dell’impianto che, con l’avvio del nuovo elettrodotto di Terna, rischia la chiusura.
Il progetto, che le parti hanno concordato di analizzare specificamente nei prossimi giorni, prevede la riconversione in polo tecnologico delle energie rinnovabili, ovvero una rimodulazione degli impianti in chiave green che contempla anche l’impiego dei rifiuti, così come previsto dalla normativa vigente.
«Si tratta dell’investimento più corposo che un’azienda privata effettua nella provincia di Messina dopo tanto tempo – osservano i sindacati – e che dovrebbe suscitare, di conseguenza, un’attenzione particolare da parte del Governo regionale e delle amministrazioni locali per conoscere nei dettagli il progetto, verificarne gli effetti e farlo rientrare in un piano complessivo di tutela del lavoro e dell’ambiente, che determini un uguale ed aggiuntivo investimento pubblico per il risanamento».
Al tavolo di Confindustria i sindacati hanno ribadito la difesa di tutti i posti di lavoro. Insieme alla verifica analitica di tutti gli aspetti del progetto, Filctem Flaei Uiltec hanno preteso di discutere con l’Azienda anche i punti che riguardano la tutela occupazionale dei lavoratori diretti e delle aziende dell’indotto e le garanzie delle tutele nella fase transitoria fino alla realizzazione.

Un nuovo incontro già fissato per il prossimo 27 aprile.

(204)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *