Assistenza domiciliare disabili: da lunedì parte il servizio

assistenza domiciliareCompletato oggi il percorso che ha portato al passaggio di tutti i lavoratori dalle cooperative uscenti alla Cooperativa Alba, che gestirà il servizi di Assistenza Domiciliare Disabili. I dirigenti sindacali della Cisl Funzione Pubblica, Renato Cristaldi e Mario Buzzai, hanno seguito da vicino le fasi di contrattualizzazione dei lavoratori per dare l’assistenza necessaria e per verificare la fattibilità di un accordo tra datore di lavoro e sindacato, per garantire la contrattualizzazione della totalità dei lavoratori a ore piene, ridotte e parziali, nel rispetto dei parametri e del monte ore previsto dal capitolato d’appalto.
“Moltissimi lavoratori – spiegano Cristaldi e Buzzai – hanno chiesto una contrattualizzazione per un numero di ore inferiori per consentire l’utilizzo di ulteriori unità lavorative così che, secondo le previsioni, tutti coloro in possesso dei requisiti, avranno un contratto di lavoro. Già da lunedì prossimo anche questo servizio sarà avviato, così da garantire l’Assistenza a una fascia di utenza particolarmente delicata”.
“Per noi – sottolinea Calogero Emanuele, segretario generale della Cisl Fp – era importante assicurare la continuità lavorativa a tutti gli operatori dei servizi, dall’assistenza agli anziani ai disabili, dal trasporto, ai Cag, perché si nella fase di predisposizione dei nuovi bandi che dovrebbero allineare i servizi al 31 dicembre, anche se la strada intrapresa impone forti riflessioni e considerazioni”.
Intanto si registra un nuovo stop per la gara dei Centri di aggregazione Giovanili, che ancora una volta. almeno per Gravitelli e Camaro, obbligano a un rinvio della celebrazione della gara per incongruenza delle dichiarazioni rese da parte delle cooperative.
Resta il nodo del personale che a vario titolo resterebbe disoccupato.
“È necessario – sostengono i rappresentanti della Cisl Fp – tener conto di questi lavoratori in sede di affidamento dei progetti a valere sui fondi della Legge 328. La gestione dei Servizi sociali, infatti, deve essere trattata congiuntamente alla nuova programmazione dei fondi della Legge 328 e quindi essere agganciata all’intero sistema dei servizi socio-assistenziali”.
La Cisl Fp è convinta che la grave crisi economica e le difficoltà finanziarie degli Enti locali e soprattutto del Comune di Messina impongano una seria riflessione. “Ci troviamo di fronte a sistemi gestionali obsoleti – afferma Calogero Emanuele – è necessario apportare cambiamenti per offrire servizi che rispondano alle esigenze della collettività. Bisogna ripensare il sistema della gestione, il sistema di affidamento, il sistema di reclutamento del personale. Non si può continuare con situazioni precarie ed emergenze. E’ necessaria una programmazione strutturata e ragionata per servizi sociali, assistenza, istruzione ed educazione. Bisogna dare vita a un sistema sinergico che metta insieme Comune, Aziende sanitarie, Terzo Settore, Volontariato. È lo spirito vero reale previsto dalle leggi in materia di sistemi socio-assistenziali e che sino a oggi è stato sempre lasciato a libere interpretazioni e decisioni delle singole Amministrazioni interessate”.

(38)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *