Altri detenuti al Carcere di Gazzi. Osapp: «Polizia Penitenziaria stremata»

GazzicarcereCon la recentissima operazione della Magistratura peloritana che ha portato contemporaneamente nella Casa Circondariale di Gazzi altri 35 detenuti, il personale di Polizia Penitenziaria messinese lamenta l’immane sacrificio che deve affrontare «perché — scrive in una nota il Segretario Generale aggiunto Osapp — ora più che mai è ridotto a minimi termini». La Segreteria Generale insiste sulla necessità di incrementare l’organico del Corpo nell’Istituto ma — scrive ancora il sindacato — «sino ad ora poco o niente è stato posto in essere, con l’unica risultante di gravare oltre misura sugli ormai stremati poliziotti penitenziari rimasti in servizio».

«Di recente, poi, si è assistito — prosegue la nota — senza il conseguenziale e necessario ricambio ai legittimi trasferimenti di quel personale candidatosi alle recenti elezioni amministrative con evidente accrescimento dei carichi di lavoro per il restante personale di Polizia Penitenziaria». Al fine di garantire sufficienti standard di sicurezza e i basilari diritti soggettivi dei poliziotti penitenziari dello Stretto, il sindacato chiede urgenti provvedimenti, «attingendo — dice — alla vigente graduatoria nazionale per i trasferimenti, tesi all’ormai improcrastinabile incremento dell’organico del Corpo». 

(40)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *