Studenti in corteo. Tutti uniti contro la “Buona Scuola”

buona_scuola_manifestazioneA meno di un mese dall’inizio dell’anno scolastico, cominciano, puntuali come ogni autunno, le manifestazioni studentesche. Il motivo, come nello scorcio dell’anno scolastico concluso a giugno, è il famigerato decreto denominato”Buona Scuola”.

Per gli studenti che oggi sono in corteo per le vie della città, il decreto ha poco di buono, e quello che ne viene fuori, sostengono molti dei manifestanti, è “la soppressione della scuola pubblica, per fare avanzare quella privata”.

Quello che temono i ragazzi, che si sono dati appuntamento a piazza Antonello alle 9, è il “depauperamento dell’istruzione pubblica – dichiarano -, quella che tutti si possono permettere, per incentivare e potenziare un’istruzione, quella privata, che è alla portata di pochi”.

Il decreto voluto da Renzi non convince, è stato bocciato senza alcuna possibilità di recupero.

I cori che si sono sentiti in queste ore per le vie del centro non lasciano dubbi: “Fai le valigie”, indirizzato al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, era forse l’invito più cortese che si è udito.

Il timore che la scuola, trasformata in azienda, possa non più rispondere ai bisogni ed alle aspettative degli studenti, e delle famiglie, è ciò che ha spinto molti ragazzi messinesi a mettersi in marcia stamattina.

Ma è solo il primo appuntamento, lunedì 12 ottobre è previsto una nuova manifestazione studentesca.

Quello che si preannuncia è di certo un  autunno caldo.

 

 

 

(190)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *