Scuole, Barrile: “Nessuna disposizione dell’amministrazione sugli interventi di messa in sicurezza”

emilia-barrile per nuovoIl Presidente del Consiglio Comunale, Emilia Barrile, ha inviato una nota al sindaco Accorinti, all’assessore alla Viabilità, Gaetano Cacciola, all’assessore alla Manutenzione Scolastica, Sebastiano Pino e all’assessore alla Pubblica Istruzione, Daniela Ursino, sull’efficienza degli edifici scolastici e sugli interventi da effettuare. Questo quanto riportato:

“La questio relativa alla reale condizione della scuola pone seri ed urgenti interrogativi sia sulle condizioni di efficienza degli edifici scolastici che sull’organizzazione complessiva dei servizi.

La palese situazione di rischio dei plessi non si è neanche parzialmente risolta con l’erogazione del finanziamento ad hoc di cui il Ministro Giannini ha dato notizia. In riferimento ai 48,6 milioni di euro, con cui devono essere attualizzati i necessari interventi di sicurezza delle 112 scuole cittadine, non si conoscono le misure specifiche decise dall’Amministrazione, né se siano state definite, con sopralluoghi tecnici mirati, emergenze, urgenze, priorità ed agibilità.

Non si è a conoscenza, altresì, se siano state impegnate somme dedicate ed in quale misura ed a quale punto sia l’interlocuzione con il Dipartimento Edilizia Scolastica e con il Dipartimento Manutenzioni Immobili Comunali,  in un’ottica di giusta programmazione delle risorse disponibili, al fine di affrontare i costi necessari al ripristino delle Scuole “E. Castronovo”, di  Mili, Salvo D’Acquisto, etc.

Rispetto ai succitati Istituti Comprensivi, si desidera comprendere se siano stati attivati giusti abboccamenti con l’Assessorato Viabilità per mettere in azione trasporti che sollevino le famiglie interessate dal trasporto degli alunni nelle nuove sedi al fine di evitare episodi di dispersione scolastica.

Si coglie l’occasione per richiedere rassicurazioni in merito all’attivazione delle mense scolastiche, fondamentale servizio di supporto ed appoggio alle famiglie in difficoltà e, considerata la delicatezza dei quesiti posti, si chiede urgente riscontro”.

(50)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *