I 15 ex Cea firmano l’assunzione all’Amam. David (Fillea): “Soddisfatti, le procedure sono state lineari”

ex Cea settembre 2014La Fillea Cgil, in una nota, esprime soddisfazione per l’avvenuta sottoscrizione dei contratti di lavoro a tempo determinato per i 15 operai ex cea, che domani inizieranno la loro attività lavorativa presso l’Amam.

“E’ un altro piccolo – si legge nella nota di Daniele David della Fillea – ma significativo, passo del percorso collettivo di questi operai impegnati per anni per conto del Comune nel servizio di manutenzione stradale.

Per loro, provenienti dal bacino LSU, era stato sottoscritto un apposito protocollo in Prefettura nel lontano 2007 in cui il Comune si impegnava – in cambio alla loro fuoriuscita da quel bacino – a garantire una continuità occupazionale nel servizio di cura delle strade.

Un percorso però interrotto nel 2010 a causa della cronica mancanza di risorse per la manutenzione e che, nel novembre 2011, riportò – con apposita concertazione sindacale presso l’Ufficio Provinciale del Lavoro – questi operai nelle cd “liste speciali” per gli LSU esclusi, loro malgrado, dai processi di stabilizzazione.

Inutile ricordare come le passate amministrazioni abbiano evitato di riconoscere le responsabilità assunte dall’Ente solo qualche anno prima, malgrado (nel marzo 2013) una nota dell’Assessorato Regionale al Lavoro confermasse che i lavoratori inseriti nella lista speciale, in quanto LSU, beneficiassero del trattamento previsto dalla normativa di riferimento. Nel Giugno scorso, invece, una Delibera di indirizzo della Giunta riconosce le responsabilità dell’Ente contenute nel Protocollo sottoscritto in Prefettura e apre una strada che oggi giunge alla sua concretizzazione.

E’ un segnale importante quello di oggi, al quale ha contribuito la determinazione dei lavoratori, l’attenzione della Giunta ed in particolare dell’Assessore De Cola – che ha accompagnato questa vertenza anche dentro una fase di grandissima tensione – e la linearità tanto delle procedure amministrative quanto della pratica sindacale”.

 

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *