Teatro Vittorio Emanuele. Gli attori di “Vetri Rotti” incontrano gli studenti Unime

foto di Elena Sofia Ricci Gianmarco Tognazzi e Donadoni per lo spettacolo vetri rotti in scena al teatro vittorio emanuele di messinaTeatro Vittorio Emanuele. Questo sabato Elena Sofia Ricci, Gianmarco Tognazzi e Maurizio Donadoni incontreranno gli studenti dell’Università degli studi di Messina.

L’incontro si terrà alle ore nella Sala Sinopoli del Teatro, in occasione dello spettacoloVetri Rotti”, prodotto dalla ErreTiTeatro 30, che andrà in scena da venerdì 6 a domenica 8 aprile 2018.

L’iniziativa rientra tra i progetti avviati grazie alla convenzione stipulata quest’anno tra l’Ente Teatro e l’Unime, e si propone come momento di incontro, finalizzato alla creazione di un dialogo tra artisti, critici e spettatori. Nelle precedenti settimane gli studenti hanno avuto l’occasione di incontrare, tra gli altri, Raoul Bova, Michele Placido e Anna Bonaiuto.

foto di Elena Sofia Ricci Gianmarco Tognazzi e Donadoni per lo spettacolo vetri rotti in scena al teatro vittorio emanuele di messinaLo spettacolo “Vetri rotti”, tratto dall’opera di Arthur Miller, affronta il tema dell’Olocausto. Qui l’autore attinge alla propria esperienza nella Brooklyn del 1938, isolata e provinciale, soddisfatta della propria mediocrità, e intreccia psicanalisi, drammi sociali e personali, concentrandosi, tra le altre cose, sul tema della responsabilità personale.

All’incontro di questo sabato saranno presenti, oltre agli attori protagonisti: il presidente dell’Ente Luciano Fiorino, la direttrice artistica della sezione Prosa Simona Celi e professoressa Mariavita Cambria (Associato di Lingue inglese presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina).

La convenzione stipulata tra Università ed Ente Teatro permette agli studenti e ai dipendenti, a vario titolo, dell’ateneo peloritano, di accedere all’acquisto dei biglietti e degli abbonamenti della stagione 2017/2018 del “Vittorio Emanuele” a prezzi scontati.

(139)

Categorie

Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *