Messina. Movimenta 2017: un ponte tra la Sicilia e Bruxelles

Foto della conferenza stampa di Movimenta 2017Si è tenuta questa mattina alla Marina del Nettuno la conferenza stampa di presentazione di Movimenta 2017, festival delle correnti e contaminazioni delle arti e dei linguaggi performativi della scena contemporanea, realizzato grazie alla collaborazione tra l’Associazione Centrale Mediterra e l’Assessorato alla Cultura. Il festival inizierà domani, venerdì 1 settembre, si concluderà il 10 settembre e avrà come sede l’Horcynus Orca.

A presentare il progetto, tra gli altri, Giovanni Scarcella (artista messinese trapiantato a Bruxelles), Davide Zuccaro, Raffaella Pollastrini, Giorgia di Giovanni, Maria De Cola e Agostina d’Alessandro.

Attenzione, sensibilità e azione. Sono queste le parole chiave del progetto che, alla sua prima edizione, ha portato a Messina danzatori e artisti da più parti del mondo. Tanti anche i giovani partecipanti, provenienti dall’Italia e dall’estero, che, ospitati dall’Istituto Marino, avranno la possibilità di vivere il territorio nella sua quotidianità. L’obiettivo del progetto è, infatti, quello di creare un ponte, una rete, sia all’interno della Sicilia che tra la Sicilia e Bruxelles, far entrare in contatto mondi diversi, approcci differenti, per dar vita ad alleanze costruttive. «L’intento – spiega Scarcella – era essere a Messina, presenti, ma contemporaneamente creare alleanze, scambi, tra chi porta avanti un certo tipo di lavoro col corpo, di arte, di scena».

A guidare gli incontri, i laboratori e le performance che animeranno per questi dieci giorni i locali dell’Horcynus Orca, è l’idea di corpo come luogo d’incontro, che trova la sua massima espressione ed espressività tramite il movimento, la danza. Traspare, inoltre, la volontà di aprirsi al pubblico in maniera diversa, allontanandosi da approcci eccessivamente tecnici, per “addetti ai lavori”.

Il festival sarà diviso idealmente in due parti, caratterizzate da ritmi e metodi diversi. A metà dei lavori, il 6 settembre, verrà dato ai partecipanti un giorno di pausa dai laboratori, durante il quale Milton Paulo guiderà una Jam Session con musica dal vivo. Tra gli eventi da segnalare ricordiamo, inoltre: l’atelier creativo per i più piccoli, dai 6 anni in su, tra il 3 e il 5 settembre; la Perfomance Open Call del 9 settembre, che dalle 21.00 accoglierà i progetti proposti dagli artisti, dando così spazio alla creatività dei giovani partecipanti.

L’ingresso alla manifestazione è a pagamento, con esclusione della serata dedicata all’Open Call, che invece sarà gratuita. Maggiori informazioni si possono trovare sul sito del festival http://movimentafestival.weebly.com/.

Gabriella Fiorentino

(157)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *