Più di un milione di passeggeri serviti sullo Stretto dalle navi di Rfi. I numeri del 2012

Nave MessinaRete Ferroviaria Italiana ha comunicato i numeri del 2012 sul trasporto marittimo. Rfi informa che sono quattro le navi traghetto ferroviarie a disposizione che trasportano treni (carrozze passeggeri e carri merci): la “Messina” che sarà in servizio tra 48 ore, la “Villa”, la “Scilla” e la “Logudoro”. La “Iginia” va in dismissione con l’ingresso in esercizio della “Messina”. Ma ogni giorno sono soltanto due le navi traghetto che effettuano 36 corse giornaliere, le altre due sono utilizzate per le sostituzioni dei mezzi in occasione di manutenzioni periodiche programmate e per la continuità del servizio in casi di emergenza.

I volumi di traffico marittimo nel 2012 sullo Stretto sono stati: corse mare 18.838, passeggeri 1.046.615; carrozze 28.622; carri 54.930; ferrocisterne (merci pericolose) 2.268. Per l’esercizio delle navi e delle attività connesse al servizio, come la la manovra di imbarco e sbarco dei treni, sono impiegate 656 dipendenti distribuiti così: 398 personale marittimo, 162 personale manovra, 96 uffici. Rete Ferroviaria Italiana controlla al 100% la società Bluferries che dal primo giugno 2012 si occupa del trasporto di mezzi gommati, veicoli privati e automezzi commerciali: il traghettamento dei mezzi gommati leggeri e pesanti sono svolti con le navi Riace, Fata Morgana ed Enotria tra Villa San Giovanni e la stazione Marittima oppure Messina Tremestieri. Queste navi trasportano anche veicoli pesanti con merci pericolose.

La Bluferries, con i mezzi veloci Tindari Jet e Selinunte Jet effettua dal 28 giugno scorso anche i collegamenti con Villa San Giovanni. Con meno corse, fino al prossimo 31 dicembre, rispetto al trasporto effettuato fino al mese dal consorzio Metromare. 

(72)

Categorie

Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *