Da Messina agli USA, il progetto artistico di Mosè Previti sbarca in America

video “finestre” del progetto Adesso Premium di Mosè PrevitiAdesso Premium”, il progetto di videoarte di Mosé Previti, sbarca in America. Il video “Finestre” realizzato dell’art director messinese è stato selezionato in mezzo ad altri 360 progetti provenienti da tutto il mondo per far parte della mostra “Then and Now” inaugurata oggi alla The Exchange Gallery di Bloomsburg in Pennsylvania.

Il video, scelto insieme ad altri 79, fa parte di un progetto sperimentale più ampio in cui immagini e poesia si incontrano per lanciare un messaggio forte contro l’omologazione e la standardizzazione dell’estetica contemporanea, contro l’appiattimento della qualità dei prodotti che circolano sul web: «Quando scattiamo un selfie da condividere su Instagram o su Facebook ci pieghiamo a criteri prestabiliti, non facciamo una ricerca, non sperimentiamo  – ha spiegato Mosè. Il mio vuole essere un invito a rompere gli schemi, a guardare e riprodurre la realtà in modo non convenzionale».

Così “Finestre” si propone di mettere sull’attenti lo spettatore, di costringerlo ad alzarsi, a risvegliarsi dal torpore e a seguire l’artista nel suo percorso. Un percorso non prestabilito, estemporaneo, maturato dalla collaborazione tra due sguardi diversi, quello di Mosè Previti e della fotografa Denise Ania.

«Ho scelto di usare la poesia perché la scrittura è il mio primo strumento d’espressione – ha aggiunto Mosè. E ho intitolato il progetto “Adesso Premium” per sottolineare l’importanza dell’hic et nunc, del qui ed ora, dell’essere nel flusso, del trovare l’arte direttamente nella realtà, senza filtri, creando così un “mix”, un “impasto” che sia il più libero possibile».

«Sono molto soddisfatto di questo risultato – ha concluso. Mi sembra un buon inizio e spero sia solo il primo di tanti». Il video, che sarà proiettato alla The Exchange Gallery fino a domenica, può essere visualizzato, anche nella versione sottolineata in inglese, sulla pagina Vimeo di Mosè Previti.

(605)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *