Festa della Liberazione: una Scampagnata di Primavera nel cuore di Gesso

Gesso-Messina Per gli amanti della natura e della montagna in particolare, si terrà domani, 25 maggio, la “Scampagnata di Primavera”, alla scoperta del villaggio collinare di Gesso.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Primavera Culturale 2018” e sarà un’occasione per scoprire i tesori architettonici che dimorano nel cuore dei monti Peloritani.

Programma

Il programma della giornata prevede numerose visite al centro storico di Gesso, oltre che all’immancabile pranzo in campagna. Di seguito tutti i dettagli.

10:30 – Visita guidata alla Chiesa di sant’Antonio Abate, Santo patrono del villaggio.

11:30 – Percorso storico monumentale, visita alla chiesa di San Francesco di Paola, alla chiesa dell’Immacolata e all’antico palmento “Ninu Gnaziu”.

11:30 – Passeggiata lungo la Via delle bianche fatiche di Gesso, percorso guidato alle antiche Pirrere (Cave), Caccare (Fornaci) e Mulini.

12:30 – Scorci panoramici, dai Peloritani all’Etna, dalle Isole Eolie a Capo Milazzo e oltre, tra muri di pietra e paesaggi sapientemente modellati dall’uomo.

13:00 – Pranzo all’aperto nello spazio a verde sede A.T.S. “Rinascita Gesso” (ex caserma dei carabinieri), degustazione enogastronomica.

15:30 – Visita guidata al Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani (a cura di Mario Sarica, curatore scientifico del Museo, con la partecipazione del poeta popolare Pippo Bonaccorso e del suonatore d’organetto Paolo Scaltrito).

16:30 – Esibizione dei Pelorias Ensemble gruppo composto dai musicisti Rosario Altadonna, aerofoni pastorali e canto; Antonio Scordino, tamburello; Franco Venuto, fisarmonica; Antonio Visalli, zampogna e oboe popolare.

A conslusione della manifestazione, alle 18:00, si terrà nei pressi del monumento ai caduti del paese, un momento celebrativo della Festa della Liberazione, cui parteciperà la sezione di Messina dell’A.N.P.I. – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Scampagnata di primavera a Gesso

(135)

Categorie

Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *