“Pagate Fratelli”: proiezione del film sulla vicenda dei frati di Mazzarino

pagatefratelliL’Associazione Circolo Messina ha organizzato per il prossimo 17 Maggio, alle 19.30, al Cinema Apollo, la proiezione del film Pagate Fratelli. L’opera, inedita per la Città di Messina, racconta la ricostruzione della storia dei frati di Mazzarino.

Alla fine degli anni ’50 le cronache nazionali e internazionali parlarono molto di questa triste vicenda che vide alcuni frati del Convento di Mazzarino accusati, a vario titolo, di efferati delitti tra i quali associazione a delinquere ed estorsione.

Al tempo tutti conoscevano la storia di Padre Carmelo, Padre Agrippino, Padre Venanzio e padre Vittorio. Il processo si tenne a Messina e fu un evento.

I migliori avvocati del tempo vi parteciparono: Francesco Carnelutti, il padre del diritto moderno; Giuseppe Alessi, il primo Presidente della Regione Sicilia; Nino Dante, Deputato Democristiano; Nino La Terza, Deputato Missino. Tra gli avvocati che presero parte al Processo, anche i compianti Marrone e Gullino. La pregevole pellicola è l’opera prima del regista Mazzarinese Salvo Bonaffini che si è avvalso di attori locali e volti noti nelle sale cinematografiche come: Tony Sperandeo, Luigi Maria Burruano e Salvatore Lazzaro.Il Circolo Messina, da sempre attento alla storia della nostra Città si è impegnato a realizzare la proiezione del film e soprattutto, prima della visione, a presentare una rievocazione della vicenda processuale dei frati di Mazzarino.

Dopo il saluto del Presidente del Circolo Messina, Avv. Carmelo Raspaolo, verrà ricordato l’evento attraverso filmati, foto e riproduzioni audio dell’epoca, con particolare riferimento ai grandi messinesi impegnati nel processo, Avvocati, Giudici e Pubblico Ministero; il tutto curato dall’Avvocato Pietro Luccisano. Subito dopo il giornalista della Gazzetta del Sud Nuccio Anselmo intervisterà il Prof. Claudio Faranda, unico avvocato messinese vivente che fece parte del collegio di difesa.

                                                    

(73)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *