Tutti al mare ma non per fare il bagno: famiglia arrestata per furti

trovatello antoninocannavoFingevano di essere la classica famigtrovatello antoniolia intenzionata a trascorrere la domenica pomeriggio al mare. Ma non erano affatto una “normale” famiglia in cerca di un po’ di relax. Dietro il loro girovagare, infatti, si nascondeva un’altra intenzione. I tre, padre, madre e figlio, in trasferta da Merì, attrezzati di tutto punto, passavano in rassegna la auto in sosta nei pressi della Piazzetta delle Grotte a Mongiove per trovare qualcosa da arraffare.

Pinze, flex, cesoie, forbici, coltelli e lampadine di ogni dimensione e forma, erano gli attrezzi che avevano con sé al momento dell’arresto, in flagranza, effettuato dagli agenti del Commissariato di Patti con l’accusa di furto aggravato in concorso. A finire in manette Antonino Trovatello, 49 anni, la moglie Tindara Cannavò, 39 anni, e il figlio Antonio. A sorprenderli, mentre erano intenti a scassinare una delle tante auto parcheggiate,  un poliziotto libero dal servizio.

I tre avevano già mandato in frantumi il finestrino dell’auto presa di mira e prelevato alcuni oggetti al suo interno. Scoperti, hanno tentato inutilmente la fuga ma sono stati presto bloccati. A seguito della perquisizione, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato gli attrezzi usati per lo scasso, circa 1.000 euro tra cui anche banconote di valuta straniera, altri oggetti la cui scomparsa era stata denunciata, in giornata, dai legittimi proprietari. 

(83)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *