Messina. Tentato furto in abitazione in centro, eseguiti due arresti

Nella mattinata odierna i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina hanno arrestato Francesco Esposito, classe ’74, e Alfio Maccari, classe ’81, ritenuti responsabili di tentato furto in abitazione. L’arresto è scattato in esecuzione di ordinanza di misura cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina su richiesta della Procura peloritana.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dagli esiti delle indagini condotte dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina a partire dalla serata del 10 aprile scorso, quando i militari erano intervenuti – poco dopo le 21.00 – nei pressi di Via Tommaso Cannizzaro, su richiesta di diversi cittadini che, telefonicamente, avevano segnalato la presenza dei due uomini che cercavano di introdursi all’interno di un’abitazione attraverso l’effrazione di una finestra, infisso di cui era stato già frantumato il vetro.

Francesco-ESPOSITOAlfio-MACCARIGrazie alla solerzia dei cittadini, in quell’occasione i Carabinieri del Nucleo Radiomobile erano riusciti a bloccare, a poca distanza dall’immobile, dei soggetti corrispondenti alla descrizione fornita dai chiamanti, tra cui, appunto Francesco Esposito ed Alfio Maccari, il quale alla vista dei militari si era disfatto di un grosso cacciavite lungo 30 cm gettandolo sotto un’auto in sosta, oggetto subito recuperato dai militari e sequestrato.

In tale circostanza, peraltro, il Maccari era stato arrestato in flagranza per violazione degli obblighi impostigli dalla sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno disposta a suo carico, perché sorpreso fuori dalla propria abitazione dopo le ore 21 sebbene avesse la prescrizione di non rincasare dopo detto orario.

I successivi accertamenti, condotti con il coordinamento della Procura della Repubblica, hanno consentito ai Carabinieri di acquisire gravi elementi di responsabilità nei confronti dei due uomini quali autori del tentativo di furto in questione. Prove che hanno indotto il GIP del Tribunale di Messina ad emettere nei confronti di entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Per Alfio Maccari il provvedimento è stato notificato presso la sua abitazione, ove si trovava già ristretto agli arresti domiciliari per altra causa, mentre Francesco Esposito, dopo le formalità di rito è stato posto agli arresti domiciliari nella propria abitazione con l’obbligo di restare a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(570)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *