Sfregiarono con i cocci di una bottiglia un giovane che aveva difeso la fidanzata. Condannati

tribunalemessina bellaArrivano le condanne, decise dal Gup Monica Marino, per i due ragazzi che il 3 aprile 2010, in un pub di corso Cavour, durante una lite sfregiarono in modo permanente un loro coetaneo. Oggi sono stati giudicati con il rito abbreviato. E’ stato condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione, Santo Pizzi; a 2 anni Daniele Lanzafame, rispettivamente di 24 e 23 anni all’epoca dei fatti, accusati di lesioni personali gravissime in concorso. Per entrambi, il Pm La Speme aveva chiesto la condanna a due anni e 8 mesi.
La lite al pub, quella sera, era divampata per un commento che uno dei due imputati aveva espresso nei confronti di una ragazza. Da qui la reazione del fidanzato della giovane, un 22enne. Tra i tre nacque una colluttazione – 2 contro 1 – che si concluse nel sangue: Pizzi, dopo avere spezzato il collo di una bottiglia, con i cocci colpì al volto il rivale, provocandogli una profonda lacerazione lungo tutta la guancia. Le indagini della Polizia chiarirono dinamica ed autori dell’aggressione, per i quali stamani è arrivata la condanna.
Santo Pizzo e Daniele Lanzafame sono stati assistiti dagli avvocati Giuseppe Carrabba e Massimo Marchese.
La parte civile è stata rappresentata dall’avvocato Nino Favazzo.

(49)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *