Prese di mira le cassette per le offerte al Santuario di Tindari. Due in manette

DI MAURO  FERDINANDOPIACENTI MARIOMateriale sequestrato TindariMigliaia di fedeli passano ogni giorno dal Santuario del Tindari, e tante sono le offerte che lasciano in segno di devozione. Proprio queste ultime hanno fatto gola a Mario Piacenti, 50 anni, e Ferdinando Di Mauro, 58anni. I due, entrambi catanesi e già noti alle Forze dell’Ordine, hanno pensato bene di ripulire le cassettine per la raccolta delle offerte collocate in vari punti all’interno del luogo sacro.

I fedeli, notati i due soggetti che si muovevano in modo sospetto, ne avevano segnalato la presenza, già alle prime ore del mattino. Mentre uno dei due faceva da “palo”, l’altro, munito di un particolare arpioncino a molla o di nastro biadesivo applicato a un metro metallico, estraeva il denaro dall’offertorio. Compiuta la loro “missione”, Piacenti e Di Mauro si sono poi allontanati a bordo di un’auto.

I Carabinieri, allertati delle segnalazioni dei fedeli, li hanno fermati e perquisiti e, sotto il tappetino di guida dell’autovettura sulla quale viaggiavano, hanno rinvenuto circa 600 euro; mentre, nel cofano, riposti in un angolo, i particolari attrezzi utilizzati per i furti:  l’arpioncino a molla; il nastro biadesivo; due metri metallici, piegati per far aderire il nastro.

Per i due uomini sono scattate le manette per il reato di furto aggravato in flagranza in concorso. 

(65)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *