Operazione Alexander: 6 agenti penitenziari accusati di favorire il boss detenuto che dava ordini da Gazzi

carcere sbarreL’indagine sull’estorsione al cantiere delle case Arcobaleno e la scuola elementare di Santa Lucia sopra Contesse, che ieri ha portato all’arresto di Maurizio Lucà e Stefano Celona, vede coinvolti anche 6 agenti di polizia penitenziaria. E’ quanto emerge dalle pagine dell’ordinanza dell’operazione “Alexander”, condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo . Il Pm titolare dell’inchiesta, Vincenzo Barbaro, ha infatti indagato sei agenti penitenziari che all’epoca erano in servizio al carcere di Gazzi. Per 5 tra loro, l’ipotesi di reato è falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale. Per un altro è ipotizzato il reato di corruzione: avrebbe intascato oltre 2000 euro da un affiliato al clan di Santa Lucia sopra Contesse, al tempo capeggiato da Giacomo Spartà. Per i sei agenti, Barbaro aveva chiesto l’arresto, misura rigettatata dal gip Maria Vermiglio, che invece, dopo averli interrogati, dovrà decidere se sospenderli dal servizio o meno.
A loro carico, le intercettazioni effettuate dai carabinieri, dalle quali viene fuori uno scambio di “pizzini” che avveniva durante i colloqui in carcere tra detenuti e familiari. Lì, secondo l’accusa, venivano diramati all’esterno gli ordini del boss detenuto.
In pratica, gli inquirenti sostengono che gli uomini della sicurezza interna avrebbero omesso di perquisire i detenuti a inizio e fine colloquio con i familiari.
Nel 2006, con l’operazione “Richiesta”, i carabinieri accertarono che proprio dal carcere di Gazzi, era stato dato mandato di un omicidio. Il boss dietro le sbarre aveva persino un cellulare.

(132)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *