Necessità fa virtù: quando mancano i parcheggi… due cassonetti fanno “da spalla”

new macchina spazzaturaSabato scorso vi avevamo mostrato una foto che immortalava una fila di auto parcheggiate una dietro l’altra al di fuori delle strisce blu, nell’evidente tentativo di evitare il pagamento della sosta. Sempre in tema parcheggio, oggi in redazione ci è giunta un’altra “simpatica” fotografia di un parcheggio davvero insolito, foto che merita di essere condivisa con i nostri lettori. Come potete notare, la vettura è perfettamente incastrata tra due cassonetti della spazzatura, in senso perpendicolare a quello di marcia. Accade in via San Filippo Bianchi. Il povero autista, probabilmente esasperato dai continui giri a vuoto, rischia multa e graffi sulla propria auto pur di piazzarla da qualche parte e andare a sbrigare faccende. Un individuo che, nelle difficoltà di circolazione e parcheggio che Messina impone agli automobilisti, ha imparato a muoversi e pure bene, speriamo. La domanda, infatti, è: quanta agilità ci vuole per riuscire a venire fuori dall’abitacolo della vettura in questione? Certo, bisogna essere capaci di saper passare ai sedili posteriori e, da lì, aprire il portellone. Sempre che abbia l’apertura dall’interno. Insomma, o sei giovane, agile, e con portellone adatto, o il posteggio “protetto” da cassonetti non lo puoi fare!

Alessia Abrami

(37)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *