Multa Sindaco e Polizia Municipale. Per una vigilessa di Alì Terme, “la legge non fa sconti”

polizia-municipaleLa notizia è curiosa e arriva dalla Gazzetta del Sud: un caso per cui vale la pena dire “la legge è uguale per tutti”, senza eccezione alcuna. Lei, la protagonista della vicenda, è stata definita la “vigilessa intransigente” perché non si è “fermata” neanche di fronte alle violazioni del Codice stradale commesse dal  Sindaco e dal suo stesso Comune di appartenenza.

È accaduto ad Alì Terme, dove la donna in divisa, una contrattista ad ore, ha multato un’auto in divieto di sosta sulla strisce gialle davanti al Municipio. La vera notizia però è che la vettura in questione era quella di servizio utilizzata dalla Polizia Municipale, alla quale è stata “strappata”  una multa pari a 41,80 euro, sanzione ridottasi a 28,80 euro perché pagata entro i cinque giorni di tempo che contemplano lo “sconto” del 30%. Ma non è finita qui, questo è solo l’ultimo episodio che l’ha vista protagonista e ligia al dovere.

Solo un paio di settimane prima, infatti, la stessa agente ha multato anche l’auto del Sindaco, che parcheggiata invadeva una parte della fermata dei pullmann. Anche per lui, pagamento ridotto perché effettuato entro cinque giorni. Insomma, ad Alì Terme non si fanno sconti e, se la legge è al di sopra di tutti e ognuno è uguale di fronte a essa, nessuno può esimersi dal “pagare” se la viola.  

(67)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *