Messina. Sequestrati dalla Guardia di Finanza 1.400 chili di tonno rosso

Scoperto dai Finanzieri della Stazione Navale di Messina un furgone frigorifero che trasportava 1.400 chili di prodotto ittico, in prevalenza tonno rosso (Thunnus Thinnis), privo di qualsiasi documentazione idonea a certificarne l’origine. La Guardia di Finanza ha così proceduto al sequestro. Il mezzo è stato bloccato presso l’imbarcadero della Compagnia di Navigazione Caronte & Tourist di Messina, mentre era in procinto di lasciare l’isola.

Le violazioni contestate vanno dalla commercializzazione e detenzione di prodotto ittico privo di documentazione afferente la tracciabilità e l’etichettatura, all’inosservanza degli obblighi previsti dalle normative europee e nazionali in materia di registrazione e dichiarazione dei dati relativi alle catture di specie appartenenti a stock oggetto di piani pluriennali (c.d. “Quote Tonno”). Il pescato sequestrato, giudicato idoneo al consumo dopo la visita sanitaria, è stato interamente devoluto in beneficenza ad istituti caritatevoli ed associazioni cittadine individuate con l’Assessorato delle Politiche Sociali del Comune di Messina.

Il contrasto all’economia sommersa costituisce un’importante linea d’azione tra le funzioni di polizia economico-finanziaria che la Guardia di Finanza svolge come compito d’istituto, sia per le conseguenze sulla salute pubblica dei consumatori, ma anche per arginare l’illegalità e l’abusivismo nel sistema economico, a tutela degli imprenditori che rispettano le regole.

FONTE: Stazione Navale Guardia di Finanza Messina

(665)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *