Messina. Il presunto ordigno bellico nel mare di Sant’Agata era un freno a tamburo

guardia costiera motovedettaFalso allarme. Il presunto ordigno bellico segnalato nelle acque della zona Sant’Agata, tra i lidi “Royal Beach” e “Sea Sport” era, in realtà un freno a tamburo. Niente bomba, quindi. A dare la notizia è la Capitaneria di Porto, dopo l’intervento dei subacquei del gruppo operativo Comsubin.

Il pezzo meccanico è stato rimosso dal fondale alle 15:30 di oggi e la Capitaneria ha successivamente abrogato l’ordinanza che vietava la balneazione, la pesca, la sosta dei natanti, la navigazione ed ogni attività subacquea nella zona.

(171)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *