Messina. Chiuso un locale per scarse condizioni igieniche: multe per 17mila euro

Foto cucina sporca, paninoteca Kebab chiusa a MessinaMessina. Proseguono i controlli serrati delle Volanti della Questura di Messina, con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine di Catania e della Sezione Annona della Polizia Municipale, per verificare il rispetto delle norme vigenti e le condizioni igienico-sanitarie dei locali cittadini. A finire nel mirino dei controlli due paninoteche, uno delle quali è stata chiusa per le preoccupanti condizioni igieniche. Elevate sanzioni per 17mila euro.

Durante questa settimana è stata individuata una paninoteca Kebab che, oltre ad infrangere alcune norme sull’occupazione del suolo pubblico, versava in condizioni igienico-sanitarie tanto preoccupanti da rendere necessaria la chiusura dell’attività.

Foto bagno sporco, paninoteca Kebab chiusa a MessinaSe da una parte sono state riscontrate la mancanza della carta ingredienti al banco e la licenza di somministrazione, relativamente alle quali ulteriori accertamenti saranno esperiti, dall’altra gli operatori sono stati allarmati dalle precarie e malsane condizioni sanitarie: strutture destinate agli alimenti sporche e non sottoposte ad alcuna manutenzione, locale privo di sistema di aerazione, promiscuità tra materie prime e prodotti detergenti, rifiuti posti in contenitori non chiudibili, evidente carenza di condizioni igieniche adeguate da parte del personale, deposito di materiali estranei all’attività svolta, mancanza di esche di monitoraggio infestanti, presenza massiccia di scarafaggi.

Foto fornelli sporchi, paninoteca Kebab chiusa a MessinaUna lunga lista di infrazioni che non ha lasciato spazio a dubbi e portato all’immediata chiusura della paninoteca Kebab.

Una seconda paninoteca, sottoposta ai controlli negli ultimi giorni, è risultata non in linea con le norme vigenti ma, in questo caso, i problemi riscontrati erano di ordine amministrativo: mancanza della DIA (dichiarazione inizio attività) sanitaria, mancanza dell’aggiornamento del piano autocontrollo HACCP e della formazione del personale.

Le numerose violazioni, sia amministrative che sanitarie riscontrate, hanno portato a sanzioni per un totale di € 17.000,00.

Le attività di controllo fanno parte della più ampia operazione “Quartieri Sicuri”, in atto da mesi, che sempre in questa settimana ha portato a 5 arresti e 7 denunce.

Fonte: Questura di Messina 

 

(1314)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *