Meningite a Messina. Il giovane 24enne torna a respirare autonomamente

Foto dell'ospedale Papardo di MessinaCaso di meningite a Messina, migliorano le condizioni del giovane 24enne.

Dall’Azienda Ospedaliera Papardo i primi aggiornamenti: il ragazzo è costantemente monitorato e, sin dal suo arrivo, sono state attivate immediatamente tutte le misure profilattiche previste dalle linee guida.

Il ragazzo, al quale era stata diagnosticata la meningite al rientro da una serata a Lipari, riesce già a respirare autonomamente ed è, attualmente, ricoverato presso il reparto di Rianimazione del Papardo.

Hanno contribuito alla diagnosi di Meningite le analisi eseguite con immediatezza dall’Unità di Patologia Clinica e dall’equipe di Malattie Infettive.

Questi immediati segni di recupero sono stati raggiunti grazie alla celerità con la quale è stato possibile eseguire la diagnosi. Il tempo di esecuzione di alcune analisi è, infatti, critico per patologie gravi come le meningiti. Proprio l’utilizzo di metodologie innovative di Biologia molecolare, denominate “FilmArray”, ha consentito la determinazione del microrganismo responsabile in un’ora e quindi di attivare rapidamente la profilassi prevista.

Questa tecnica viene da anni routinariamente utilizzata presso il Laboratorio del Papardo per pazienti critici con gravi malattie respiratorie e gastrointestinali.

(122)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *