Maxi-sequestro da 9 milioni di euro in provincia di Messina – VIDEO

20150213101455-diaDalle prime ore di oggi, venerdì 20 luglio, la DIA di Messina, supportata dal Centro Operativo di Catania, ha dato esecuzione ad un maxi-sequestro nei confronti di beni e proprietà riconducibili all’imprenditore Nunzio Ruggieri.

Operante ufficialmente nel settore della macellazione e della commercializzazione del pellame, Ruggieri, secondo gli inquirenti avrebbe negli anni portato avanti l’attività di usuraio avvalendosi, in alcuni occasioni, di collegamenti negli ambienti mafiosi dell’area dei Nebrodi, fatto comprovato dalle rivelazioni del collaboratore di giustizia Santo Lenzo.

Il sequestro eseguito dalle prime ore di oggi, per un valore di circa 9 milioni di euro, giunge a conclusione di un’attività investigativa – culminata nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale formulata dal Direttore della DIA, Generale di Divisione Giuseppe Governale, in piena sinergia operativa con la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, guidata dal dr. Maurizio De Lucia.

Ruggieri, imprenditore di Naso (ME), è stato menzionato dal collaboratore di giustizia Santo Lenzo – legato ai sodalizi mafiosi nebroidei – per alcuni collegamenti con elementi di vertice della criminalità organizzata “tortoriciana” fra i quali Cesare Bontempo Scavo e Carmelo Armenio.

In particolare, da alcune dichiarazioni risalenti al 2002 è risultato come Ruggieri, nel 1999, per tramite di Carmelo Armenio – referente della criminalità organizzata sul territorio di Brolo (ME) – “aveva chiesto che fossero incendiati i mattatoi di Sinagra, Barcellona P.G. e Giammoro, impegnandosi, nel contempo, a versare lire 50.000.000 all’organizzazione mafiosa” che lo avrebbe verosimilmente favorito. L’intento criminoso non giunse a compimento “per l’opposizione dei rappresentanti della criminalità organizzata barcellonese”.

La sua caratura criminale, riferibile ad una lucrosa e continuativa attività usuraia, è stata rilevata con sentenza di condanna della Corte di Appello di Messina del 2005, divenuta irrevocabile nel 2009. La vicenda traeva origine dalle illecite condotte poste in essere, sempre da Ruggieri, negli anni 1998/2000, nei confronti di un dipendente di banca che, in ragione della sua personalità facilmente condizionabile, aveva generato, all’istituto di credito presso cui era impiegato, un dissesto economico per circa 76 milioni di lire attraverso la negoziazione di tre assegni. Questi, nel tentativo di ripianare la situazione, attraverso alcune “amicizie”, si rivolgeva a diversi soggetti, tra i quali anche Nunzio Ruggieri, al fine di ottenere alcuni prestiti rilevatisi, poi, di natura usuraia.

Numerosi i reati per i quali il soggetto era già apparso di fronte alla Giustizia:

  • nel 2002, unitamente ad altri 20 soggetti, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Melito Porto Salvo (RC), quale utilizzatore di fatture per operazioni inesistenti emesse da una società di San Lorenzo (RC) operante nel commercio all’ingrosso di cuoio e pelli;
  • nel 2005, è stato denunciato dal Nucleo Antifrodi del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari di Roma, in ordine ai reati di falso ideologico aggravato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, e rinviato a giudizio quale legale rappresentante di una società oggi sottoposta a sequestro;
  • nel 2012, a seguito di attività di indagine dei Carabinieri di Sant’Agata di Militello, è stato rinviato a giudizio per il reato di usura continuata in danno di un imprenditore agrumicolo cui aveva applicato tassi di interesse del 10% mensili su somme prestate illecitamente;
  • nel 2016, è stato rinviato a giudizio presso la Procura di Patti, per abusivismo finanziario, a seguito di attività d’indagine della Guardia di Finanza di Capo d’Orlando che ha rivelato l’illecita concessione di mutui con numerose dazioni, tra il 2005 ed il 2010, di somme di denaro per complessivi 794.225 euro.

L’attività d’indagine economico-finanziaria, che ha portato all’esecuzione dell’odierno provvedimento di sequestro, ha permesso di accertare che Ruggieri, pur non avendo dichiarato redditi ufficiali sufficienti e capienti, era riuscito con l’illecita attività usuraia, nel periodo esaminato, ad incrementare il suo patrimonio personale ed imprenditoriale, anche intestandolo a congiunti parenti, di fatto suoi fidati prestanome.

I flussi finanziari intercettati nell’attività d’indagine, anche in riferimento ad anomali incrementi patrimoniali versati in “contanti” nelle casse sociali delle società, difformemente alle previsioni in materia di antiriciclaggio, non risultano giustificati dalle evidenze ufficiali.

Con l’odierno provvedimento sono stati apposti i sigilli a:

  • n. 2 imprese comprensive di capitale sociale e compendio aziendale;
  • quota pari al 20% del Fondo Consortile di un Consorzio;
  • n. 20 unità immobiliari (fabbricati e terreni);
  • n. 23 mezzi personali ed aziendali;
  • vari rapporti finanziari, anche intestati a soggetti terzi individuati,

per un valore complessivo prudenzialmente stimato in 9 milioni di euro.

Fonte: Direzione Investigativa Antimafia – Sezione Operativa Messina & Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica del Tribunale di Messina

(502)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *