Maxi operazione a Roma e Messina. 15 arresti per associazione a delinquere

Foto di una vettura della Guardia di Finanza vista di latoUna maxi indagine delle Procure della Repubblica di Roma e Messina ha portato oggi all’arresto di 15 persone per due associazioni a delinquere dedite, rispettivamente, alla commissione di plurime frodi fiscali e a reati contro la pubblica amministrazione, anche attraverso la corruzione in atti giudiziari.

Le indagini hanno preso le mosse da distinti input investigativi, convergendo sull’operatività dei due sodalizi criminali, consentendo altresì la ricostruzione di ipotesi di bancarotta fraudolenta da parte di soggetti non riconducibili alla struttura delle organizzazioni.

I Tribunali di Roma e Messina hanno emesso le ordinanze di custodia cautelare per:
Bigotti Ezio, classe 1964 (domiciliari), Caruso Luciano, classe 1940 (domiciliari), Amara Piero, classe 1969 (carcere), Calafiore Giuseppe, classe 1979 (carcere- attualmente all’Estero), Ferraro Alessandro, classe 1971 (carcere), Centofanti Fabrizio, classe 1972(domiciliari), Guastella Giuseppe, classe 1945 (domiciliari), Venezia Davide, classe 1985 (domiciliari), Verace Mauro, classe 1957 (domiciliari), Pace Salvatore Maria, classe 1978 (domiciliari), De Micheli Gianluca classe 1973, Naso Vincenzo, classe 1944 (domiciliari), Perricone Francesco “Corrado” classe 1963, Miano Sebastiano, classe 1974 (domiciliari).

Fermato anche Longo Giancarlo, classe 1969 (carcere), magistrato ordinario, già sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, ad oggi destinato ad altre funzioni in altra sede. Longo è accusato di associazione a delinquere, corruzione e falso.

In questo momento la Guardia di Finanza sta effettuando anche diverse perquisizioni locali nei confronti dei soggetti a vario titolo coinvolti nella vicenda.

(2050)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *