Mattatoi non in regola, Nas sequestrano oltre 2 tonnellate di carne

muccheAmmonta a più di due tonnellate,  la carne sequestrate dai Carabinieri del Nas di Catania che negli ultimi giorni hanno condotto un’attività ispettiva sugli impianti di macellazione della provincia . In particolare, i militari hanno focalizzato l’attenzione nell’hinterland pattese, zona in cui era forte il sospetto su alcune attività di macellazione clandestina di bestiame.

Durante l’indagine è stata scoperta una sala di macellazione abusiva ove erano stati appena macellati alcuni capi ovi-caprini non censiti all’anagrafe veterinaria, ne tantomeno sottoposti alla prescritta profilassi veterinaria imposta dalla legge. E’ previsto, infatti,  che tutti i capi di bestiame, prima di essere macellati, devono essere sottoposti preventivamente a visita veterinaria per accertare le condizioni di salute e nuovamente ispezionati, dopo la macellazione, a cura di un veterinario  dell’Asp, presente in tutte le fasi di lavorazione per confermarne la salubrità.

Nell’azienda, inoltre, è stato scoperto un intero allevamento suino abusivo, sottoposto a sequestro sanitario. Altro analogo allevamento è stato scoperto e sequestrato in un’altra azienda del circondario, ove è stata sospesa l’attività di una sala di mungitura perché mancavano i prescritti requisiti igienico-sanitari.

I controlli hanno interessato anche un vicino impianto di macellazione la cui attività è stata sospesa poiché era in corso la macellazione di capi di bestiame affetti da brucellosi, contemporaneamente a quelli sani, con grave rischio di contaminazione. La legge consente, in alcuni casi, la macellazione di animali con positività alla brucellosi, a condizione che sia fatta in aree separate o in tempi diversi. L’attività di controllo dei Carabinieri ha comportato anche  al vincolo sanitario di 20 capi di bestiame, mai sottoposti ai controlli veterinari.

 

 

(211)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *