Lo spaccio di droga a Gravitelli: 10 condanne con il rito abbreviato

tribunale-messina 1Il gup Monica Marino ha condannato 10 persone coinvolte nella operazione Losers, a vario titolo accusate di associazione a delinquere finalizzata alla detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato e sono stati condannati oggi: Marcello Cirisano, 6 anni e 10 mesi; Carmelo Costa, un anno e duemila euro di multa; Simona Costa, 6 anni e 10 mesi; Francesco Esposito, 12 anni e 10 mesi; Marco La Torre, 13 anni e 2 mesi; Nunzio Micali, 6 anni e 10 mesi; Daniele Nasso 13 anni e 10 mesi; Tindaro Fausto Nasso, 7 anni; Filippo Pennestrì, 6 anni e 10 mesi; Salvatore Trimarchi, 4 anni e 6 mesi.
L’operazione “Losers”, scattata, ad opera dei carabinieri, nel luglio 2013 con 15 arresti, 13 uomini e due donne, portò alla luce un giro di spaccio di sostanze stupefacenti e di estorsioni.
Le indagini erano state avviate nel Giugno 2009, a seguito dell’arresto di Marco La Torre, trovato in possesso di 100 gr. di hashish. Pedinamenti, osservazioni e analisi dei dati in possesso dei Carabinieri, hanno permesso di capire che il caso La Torre non era isolato ma legato a un giro di spaccio ben più grosso. Attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali emerse, infatti, che altri — personaggi operanti a Messina nella zona di Gravitelli — erano dediti alla detenzione e spaccio di stupefacenti.
La droga veniva rifornita in alcune zone di Messina, tra cui l’area di Mangialupi e Gazzi.
Nel corso delle indagini è emerso che i fornitori sollecitavano il pagamento dei quantitativi di droga già consegnati. Vennero fuori anche due episodi estorsivi ai danni di terzi, sempre per richiesta di pagamento di partite di droga.

(87)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *