L’inceneritore di Pace inquinava l’atmosfera: condannato Dalmazio, assolto Miloro

sentenza per nuovoL’ex presidente di Messinambiente, Nino Dalmazio, è stato condannato a 10 mesi, pena sospesa, nell’ambito del processo che lo vedeva accusato, insieme ad Antonino Miloro, dirigente tecnico di Messinambiente, del reato di concorso per violazione di un articolo del decreto legge 133/2005 che dà attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti.

I fatti risalgono al 2010, e riguardano l’inceneritore di Pace. Per l’accusa, rappresentata dal Pm Liliana Todaro, i livelli di inquinamento furono superati, determinando, durante l’attività di incenerimento, l’emissione in atmosfera di “diossine e furani” superiore ai parametri previsti dalla legge.
Dalmazio e Miloro, sostenne l’accusa, non attuarono gli opportuni controlli, in particolare nello smaltimento di rifiuti pericolosi speciali e a rischio infettivo, come quelli ospedalieri: aghi, siringhe, lame, vetri, lancette, pungidito, testine di rasoi e bisturi monouso, oppure rifiuti organici provenienti dallo svolgimento di attività di ricerca e di diagnostica batteriologica.
Oggi, davanti al giudice monocratico Claudia Misale, è arrivata l’assoluzione per Miloro, difeso dall’avvocato Gianluca Currò, e la condanna ad 10 mesi, più il risarcimento per le parti civili, con sospensione della pena, per Dalmazio, assisisto dall’avvocato Giuseppe Carrabba.

(310)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *