Gettonopoli. Le anticipazioni e i nomi

agenti-digosAvranno l’obbligo di firma nell’ufficio della Polizia municipale a Palazzo Zanca un minuto prima dell’inizio e un minuto dopo la fine dei lavori della commissione di cui fanno parte. Questo prevede il provvedimento, notificato in mattinata a 12 consiglieri comunali, firmato dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Messina, Maria Militello, che ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Barbaro a conclusione dell’inchiesta sulla “gettonopoli messinese” che, solo nel 2014, sarebbe costato alle casse del Comune di Messina quasi un milione di euro.

I dodici consiglieri comunali sono indagati per truffa, abuso d’ufficio e falso ideologico.

Ecco i loro nomi: Carlo Abbate, Piero Adamo, Pio Amadeo, Angelo Burrascano, Giovanna Crifò, Nicola Salvatore Crisafi, Nicola Cucinotta, Carmela David, Paolo David, Fabrizio Sottile, Benedetto Vaccarino e Daniele Santi Zuccarello.

Secondo la Digos, che ha condotto le indagini con l’ausilio di telecamere piazzate all’interno del Comune, grazie alle false partecipazioni a ben 39 sedute di commissioni consiliari al mese, i consiglieri incassavano l’indennità massima aggiuntiva di 2.184 euro al mese.

Il consiglio comunale di Messina, dopo lo scandalo scoppiato, aveva deliberato per il dimezzamento del compenso, da 100 a 54 euro a seduta. Ma, nonostante questo provvedimento, i consiglieri avevano segnato la propria presenza nel numero massimo di sedute consentite per garantirsi l’indennità aggiuntiva. Dalle indagini si sarebbe appurato che, la maggior parte dei conciglieri, entrasse a Palazzo Zanca, firmassero la presenza e andassero via senza neanche attendere l’inizio dei lavori o dopo pochi minuti. Tra le altre cose, nelle numerosissime sedute di commissione, venivano deliberati pochissimi provvedimenti.

Da oggi i dodici consiglieri comunali destinatari del provvedimento del giudice dovranno apporre firma davanti ai vigili prima e dopo l’intera durata dei lavori.

Altri 10 consiglieri sono indagati. ma non raggiunti da misura cautelare.

(2763)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *