Finanziere di Patti pestato a sangue in Trentino. E’ gravissimo

carabinieri bella bella grandeI Carabinieri intervenuti lo hanno trovato a terra, incosciente, con il volto pieno di sangue. A ridurlo così due ragazzi, uno polacco, l’altro originario del Maghreb. Questa la sorte del 35enne Mario Aiello, finanziere originario di Patti, che adesso lotta per rimanere in vita.

Il massacro è avvenuto la notte scorsa a Pergine Valsugana, località del Trentino Alto Adige. Aiello era appena uscito da un locale insieme alla compagna quando, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe incrociato i due ragazzi che avrebbero rivolto degli apprezzamenti alla donna. Da lì è nato un diverbio che è subito degenerato in un brutale pestaggio. Gli aggressori hanno iniziato a colpire l’uomo con calci e pugni, fermandosi solo in seguito all’arrivo di alcuni passanti. Giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno soccorso il 35enne, subito trasportato in gravi condizioni al pronto soccorso. Le condizioni del finanziere, nelle ultime ore, sarebbero peggiorate.

Intanto, i Carabinieri hanno ricostruito la vicenda, servendosi di numerose testimonianze. In poche ore sono riusciti ad identificare i due aggressori che si trovano nel carcere di Spini di Gardolo. Dovranno rispondere dell’ accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi.

 

(1071)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *