Evasione dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto. È caccia ai tre detenuti

aggressione carcere

Hanno divelto un’inferriata della palestra e sono evasi: questa la dinamica della fuga di tre detenuti, di origine messinese, fuggiti stanotte dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto. I tre soggetti dovevano scontare pene comprese tra cinque e sei anni per reati legati alla tossicodipendenza.

La Polizia Penitenziaria di Barcellona PG si è subito mobilitata per le ricerche, nell’attività sono stati coinvolti anche agenti liberi dal servizio con l’intento di coprire un’area più ampia e individuare rapidamente i tre fuggitivi evasi dal carcere.

«In questo momento la situazione delle carceri italiane è tutt’altro che normale – dice l’Osapp, sindacato della Polizia Penitenziara – come invece dichiarato da alcuni dei vertici dell’attuale amministrazione penitenziaria agli organi di informazione anche televisivi».

Una politica penitenziaria dissennata, secondo il sindacato che tutela gli agenti di Polizia Penitenziaria: «Il detenuto viene messo al centro di ogni possibile diritto e concessione anche se non meritati, questa politica mette a rischio soprattutto la civile convivenza e la sicurezza degli inermi cittadini».

Mentre sono da chiarire le dinamiche dell’evasione per capire se potesse essere evitata, continua la caccia ai tre detenuti originari di Messina.

(501)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *